Oscuramento Scott

Come forse non è noto, una cortina di silenzio è calata sullo storico maxi-processo alla ‘ndrangheta vibonese, che si celebra da gennaio nell’aula bunker appositamente costruita a Lamezia Terme. In un primo momento i giudici ne avevano impedito le riprese audio e video. Poi ci hanno ripensato e le hanno autorizzate, ma esclusivamente da telecamere fisse e, “al fine di salvaguardare la genuina formazione della prova”, hanno fatto divieto di diffusione delle “riprese audiovisive” prima della lettura della sentenza, fatta salva la divulgazione di immagini e brevi video funzionali alla realizzazione di servizi di cronaca giudiziaria. Si avrà dunque memoria piena e completa di un processo storico, ma fra qualche anno, su libri di storia per addetti ai lavori. Tale decisione liberticida sembra suggerire che il racconto giornalistico del processo, potendo orientare l’opinione pubblica ipoteticamente in modo non congruente con le prove dibattimentali, possa influenzare la libera formazione del giudizio dei giudici chiamati a pronunciarsi sulle responsabilità penali degli imputati. Detta in due parole, il rischio sarebbe quello di una sentenza scritta dai media. Sembra assurdo, il tribunale si blinda per timore di influenze esterne sotto forma di cronaca giornalistica, ma potrebbe proprio esser così. In alternativa la magistratura ha ceduto davanti allo sbandierato pericolo di sentenze sommarie scritte dalle televisioni. Quale che sia delle due ipotesi quella vera, in entrambi i casi un processo confinato nelle aule di tribunale e privo di racconto integrale al pubblico, dà della magistratura un’immagine di grande debolezza e di impotenza. Alla nazione e, cosa forse assai peggiore, alle organizzazioni criminali. Fatto salvo il diritto degli imputati di esprimere o negare il consenso alle riprese audiovisive, per tutela della privacy, le udienze dei processi sono pubbliche: la giustizia non è forse amministrata in nome del popolo? e allora è diritto del popolo esigere di vedere e di ascoltare in corso d’opera.

           160° Unità d’Italia, 12 maggio 2021, Beretta Roberto Claudio