Nessun servo può servire due padroni

Polemica sul neoministro del turismo. Qualche giorno fa E’ stato notato che sulla home page del suo portale fosse presente lo slogan “prima il nord”, e ne è stata chiesta la rimozione, data il palese conflitto dell’intento con la sua neofunzione. Non c’è modo di verificare. Attualmente il sito risulta in manutenzione. Evidentemente non deve essere facile rimuovere l’etichetta.

Non c’è da meravigliarsi che vi siano messaggi del genere sul sito di un rappresentante della lega, sono perfettamente coerenti con la mission del partito. Infatti “’Lega Nord per l’Indipendenza della Padania’ … è un movimento politico che ha per finalità il conseguimento dell’indipendenza della Padania …. e il suo riconoscimento internazionale quale Repubblica Federale indipendente e sovrana” (art. 1 dello statuto della lega approvato il 21 dicembre 2019, facilmente rintracciabile in rete).

C’è invece da farsi un paio di domande, tanto per iniziare, e cioè come possa in generale un sostenitore del citato partito diventare ministro della Repubblica Italiana la quale, secondo l’articolo 5 della sua Costituzione, e contrariamente allo statuto professato, è “una e indivisibile”. Ma ammesso che tutti facciano finta di non vedere l’inconciliabilità per non dire l’inimicizia fra le due repubbliche – infatti non si può servire Dio e mammona – rimane un’altra questione di non facile soluzione, vale a dire come possa un ministro della Repubblica Italiana, di estrazione leghista, prestare giuramento con la seguente formula, presa quasi di peso dall’art. 54 sempre della stessa Costituzione:  “Giuro di essere fedele alla Repubblica, di osservarne lealmente la Costituzione e le leggi e di esercitare le mie funzioni nell’interesse esclusivo della nazione”.

A quale Repubblica e a quale nazione si riferiscono i ministri leghisti quando giurano?

159° Unità d’Italia, 6 marzo 2021, Beretta Roberto Claudio