17 marzo 1861

La nostra storia unitaria inizia il 17 marzo 1861, e noi cominceremo da qui a raccontare. Per non trovarci impreparati e fare brutta figura davanti a qualcuno che a bruciapelo ci domandasse cos’ è avvenuto e perché abbiamo festeggiato questo giorno, ecco un breve riassuntino degli accadimenti.

COS’ E’ SUCCESSO IL 17 MARZO 1861 ?

La marcia di Garibaldi con la spedizione dei mille del 1860 fu irresistibile e, quasi senza combattere, il generale e le sue truppe entrarono a Napoli il 7 settembre, mentre il re borbonico fuggiva a Gaeta. Preoccupati Cavour ed il re sabaudo Vittorio Emanuele II dei successi militari e politici di Garibaldi e temendo che egli volesse proseguire la marcia fino alla conquista di Roma e ivi proclamasse una repubblica del sud, inviarono un esercito piemontese che occupò le Marche e l’ Umbria nello stato pontificio. Garibaldi intanto sconfigge l’ esercito borbonico nella battaglia del Volturno (2 ottobre). Il generale incontra poi il 26 Ottobre il re Vittorio Emanuele a Teano, presso Caserta, ed al sovrano consegna le terre conquistate, rinunciando ad ogni potere. Vengono proclamati i plebisciti che decideranno l’ annessione del regno delle Due Sicilie, delle Marche e dell’ Umbria. L’ Italia era finalmente riunita, ad eccezione del Veneto, di Trento e Trieste, che rimasero sotto la dominazione austroungarica (diventeranno italiane con la terza guerra di indipendenza (1866 il Veneto) e prima guerra mondiale (Trento e Trieste), e di Roma con il Lazio, facenti parte dei possedimenti dello Stato della Chiesa (Roma diventerà italiana il 20 settembre 1870).

il 17 Marzo 1861,

il parlamento di Torino,

proclama Vittorio Emanuele II Re d’ Italia.

“Il Senato e la Camera dei Deputati hanno approvato; noi abbiamo sanzionato e promulghiamo quanto segue: Articolo unico: Il Re Vittorio Emanuele II assume per sé e suoi Successori il titolo di Re d’Italia. Ordiniamo che la presente, munita del Sigillo dello Stato, sia inserita nella raccolta degli atti del Governo, mandando a chiunque spetti di osservarla e di farla osservare come legge dello Stato. Da Torino addì 17 marzo 1861″

Dalla legge n. 4671 del Regno di Sardegna. Queste parole valgono come proclamazione ufficiale del Regno d’Italia, che fa seguito alla seduta del 14 marzo 1861 della Camera dei Deputati, nella quale è stato votato il progetto di legge approvato dal Senato il 26 febbraio 1861. La legge n. 4671 fu promulgata il 17 marzo 1861 e pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 68 del 18 marzo 1861.

_____________________________________________
Questo riassunto è tratto dalla mostra “Io c’ ero“,
di cui inizieremo a parlare domani.
 Modena, 5 Aprile 2011
Beretta Roberto
 :roll: RISORGIMENTO
 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>