I primi Prestiti

(I Prestiti Nazionali del governo italiano nel corso del primo conflitto mondiale, Davide Tonicello)

2. Il primo prestito nazionale di un miliardo fu sottoscritto nel gennaio 1915, quando ancora l’Italia non era in guerra. 😯 Il secondo prestito nazionale fu emesso nel giugno dello stesso anno, a guerra da poco iniziata. Con un interesse netto del 4.5%, fu sottoscritto da 250.000 cittadini italiani, compresi i connazionali all’estero, per una somma totale di un miliardo e 146 milioni. Il terzo prestito, emesso nel gennaio del 1916, fu sostenuto da una lettera del Presidente del Consiglio dei ministri Salandra indirizzata a tutti i senatori e deputati del regno: Già non invano all’inizio della nostra guerra feci appello al vostro concorso per l’organizzazione di ogni forma di assistenza alle famiglie dei combattenti bisognose. Ora mi occorre richiederlo per eccitare e conseguire il più largo contributo di ogni classe di cittadini, di ogni forma di risparmio al prestito di guerra, la cui sottoscrizione oggi si apre. Voi quindi potete persuadere i cittadini che chi destina al prestito nazionale le economie, grandi o piccole che ciascuno pu├▓ realizzare nella propria azienda, fa un ottimo affare e rende alla Patria il maggior servigio che possa rendere a chi non è in grado di portare per essa le armi. Al 31 gennaio 1916 le sottoscrizioni┬á del terzo prestito raggiunsero la somma di 2 miliardi e 410 milioni, segno ineccepibile della volontà degli italiani di dare un forte contributo ai propri figli al fronte, nella speranza di vincere la guerra e poterli riabbracciare definitivamente.

Il quarto prestito,┬á emesso nel gennaio 1917, con la creazione di un titolo di debito consolidato all’interesse annuo del 5 per cento non raggiunse l’obiettivo prefissato di 4 miliardi, ma di 3 miliardi e 800 milioni, nonostante la grande propaganda informativa. Per altro la maggior parte della somma si ricav├▓ dai buoni del tesoro e con la conversione dei titoli dei prestiti precedenti, causando agli oltre 200mila sottoscrittori la preoccupazione┬á di non vedersi restituire le somme investite nell’immediato dopo guerra.

Infatti quando il Tesoro fece i conti dei propri debiti e quelli dovuti agli┬á alleati, le speranze dei risparmiatori di poter riavere i loro soldi furono quasi nulle. Le spese che il Regno doveva costantemente sostenere erano pesanti, basti pensare all’armamento, al vestiario ed equipaggiamento di circa 5 milioni di soldati, alle paghe loro destinate, per tre anni di guerra, oltre ai 10 miliardi di pasti distribuiti ed a altre spese fisse.

La soluzione per uscire dalla crisi , un tempo, come oggi, fu quella di aumentare le tasse.

fine seconda parte

  < 1. Prestiti Nazionali  <  > 3. Quinto Prestito > 

__________________

152° Unità d’Italia, 14 ottobre 2013, Davide Tonicello

_____________________________________

storia

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>