Giorgio Napolitano

 

┬áIl Presidente della Repubblica è l’uomo dell’anno di cittadiniditalia. Il 150° ricorderà la figura di questo Presidente che alla veneranda età di 86 anni si è trovato infelicemente fra le mani alcune questioncelle che rischiavano di far esplodere e disintegrare l’Italia. Le spinte centrifughe di un movimento secessionista, la disgregazione dell’identità nazionale, una gravissima crisi economica interna ed internazionale, un governo incapace di affrontarla, i continui scontri e l’incomunicabilità fra i partiti, la debolezza dell’opposizione. Ironia della sorte l’attacco all’unità ed alla esistenza dello Stato avveniva nel 150° anno dell’Unità d’Italia!

┬áLe cui celebrazioni avevano avuto come prologo un clima di scetticismo e di sabotaggio, di attacchi all’unità della nazione ed erano iniziate in una angosciosa atmosfera di irrisione e di provocazione se non addirittura di intimidazione e di repressione. Ricordiamo infatti le dimissioni di Carlo Azeglio Ciampi nascoste pudicamente dietro motivi di salute (compiva novantanni, parl├▓ di “una botta di vecchiaia) e le dimissioni di altri componenti il comitato per le celebrazioni del 150°, svuotato di ogni potere decisionale, a cui si voleva imporre un revisionismo risorgimentale di stampo federalista. E l’intervento della polizia a Venezia per impedire ad un cittadino italiano di portare il tricolore alla manifestazione del solito gruppetto separatista┬áprovvisto di┬áimprobabili bandiere(doveva┬ásemmai accadere il contrario).

Ebbene a questo punto è sceso in campo Napolitano. Il Presidente della Repubblica si è fatto interprete del bisogno diffuso fra i cittadini di ricompattarsi in una nazione solida, di ritrovare una casa comune ed una coscienza nazionale, in un momento di grave smarrimento e di difficoltà materiale, determinato a riaffermare, tutelare, rinsaldare l’unità nazionale. Non con appelli generici, ma richiamando fatti storici ed esperienze, in modo argomentato e critico per favorire una “riappropriazione diffusa da parte degli italiani del filo conduttore e del loro divenire storico” (G. Napolitano, Una e indivisibile, Rizzoli, 2011). Questo è stato il programma di governo del Presidente della Repubblica per il 150°. Le celebrazioni per l’Unità d’Italia erano un’occasione troppo ghiotta.

Napolitano ha esordito simbolicamente nella città ┬ádove nel 1797 si udì il primo vagito sensibile del neonato sentimento unitario: Reggio Emilia, 7 gennaio, a celebrare l’anniversario della nascita del tricolore. Ha viaggiato instancabilmente per i luoghi del Risorgimento, da Reggio a Varese Genova Firenze Roma Venezia Milano e tante altre città. Ebbene a Varese come a Roma ed in ogni città un’esplosione mai vista di bandiere tricolori, palazzi imbandierati e centinaia di cittadini italiani che cantavano l’inno nazionale accompagnando il passaggio del loro Presidente di città in città.

Parallelamente al risveglio della coscienza identitaria nazionale, ottenuta la fiducia della stragrande maggioranza degli italiani, Napolitano┬áaffrontava quindi┬ále altre┬áemergenze nazionali┬ádell’anno che volge al termine: la crisi economica, l’inerzia di un governo inetto e grottesco, la perdita di fiducia dei cittadini nelle istituzioni e nei┬á suoi rappresentanti politici, la rissosità e l’incomunicabilità fra i partiti, la debolezza di un opposizione divisa senza┬á idee e perci├▓ incapace di proporre ed interpretare un’alternativa credibile. L’ha fatto con una mossa geniale, la nomina di Monti, tecnico bocconiano di chiara fama e credito internazionale, a senatore a vita, e l’incarico di formare un governo “del Presidente”. Mossa a lungo preparata nel corso dell’anno, in innumerevoli discorsi ed appelli alle forze politiche ed autorità, dettata dallo spettro del fallimento economico del nostro paese, e nella consapevolezza dell’assoluta imperizia ed inerzia del governo e del parlamento, ormai asservito e svilito nel ratificare favolette per ebeti come quella della nipote di Mubarak.

┬áGiorgio Napolitano si è progressivamente sostituito al governo in carica, ormai ampiamente screditato in Italia ed ancor più all’estero. Egli è diventato saldo ed unico punto istituzionale di riferimento per i partner europei e gli Stati Uniti di Obama, nonchè domatore dei mercati finanziari. Ha imposto le manovre economiche che il balbettante e confusionario governo non riusciva a prendere perché non consapevole della realtà dei fatti. Ha dettato la linea di politica estera all’esecutivo imbarazzato e tentennante di fronte al caso Libia. Con realismo e moderazione, da abile politico ha saputo padroneggiare i contrasti politici, costringere al dialogo poli lontanissimi ed ostili, riavviare la dialettica politica ripartendo quasi da zero.

In una giornata convulsa ha costretto l’ex capo di governo a gettare la spugna, primo ministro indebolito da una maggioranza parlamentare incerta, divisa, insufficiente, allo sbando. In una drammatica serata novembrina che tutti ricordiamo le sorti dell’Italia per volere di Re Giorgio sono mutate. Ha fatto piazza pulita dell’aria irrespirabile di cardinalizia definizione. Ha restituito al paese un governo degno di tale nome. Non sappiamo come andrà a finire. Se l’Italia risorgerà da queste ceneri, sarà stato per iniziativa di questo ultraottuagenario che ha picchiato i pugni sul tavolo, ha messo la sua esperienza politica al servizio del paese, si è battuto da leone con la costituzione della Repubblica sempre salda in mano, si è messo alla guida del paese facendo appello alle sue infinite risorse. A noi il compito di seguirlo in quest’ora difficile. Il posto di Giorgio Napolitano è ora accanto ai Padri della Patria.

___________________________________

Modena, 29 dicembre 2011, Beretta Roberto

___________________________________

  Italiani Illustri

< Gerolamo Induno <┬á —┬á >┬áCarlo Pisacane┬á>

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>