Terra di mezzo

Le indagini dei carabinieri a Roma confermano che un sistema corruttivo di stampo mafioso infiltra fisiologicamente le istituzioni. La mafia è arrivata a Roma capitale d’Italia. Com’è potuto avvenire ? Davanti a questi fatti la gente di solito si meraviglia, spalanca gli occhi e scuote la testa, cerca i colpevoli, li trova nei politici, trasferisce le responsabilità, diserta le urne per protesta o per stanchezza, e infine dimentica. A questo punto la corruzione indisturbata riprende più forte di prima. La progressiva disattenzione alla cosa pubblica, la disaffezione verso la politica intesa come discussione e confronto sulla vita della comunità, la rinuncia alla partecipazione nelle sedi decisionali, l’astensionismo, la delega a tre o quattro leader narcisisti e populisti, ecco, questi sono alcuni dei motivi della dilagante ed inarrestabile corruzione nell’amministrazione pubblica, prodromi della futura inevitabile nuova Caporetto (fra tre anni il centenario di quella storica !). I veri ed unici responsabili di questo stato di cose siamo noi, la nostra memoria corta, e la nostra inerzia.

_____________________________

153° Unità d’Italia, 5 dicembre 2014, Beretta Roberto Claudio

__________________________________________________

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>