Governo del Presidente

Il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha┬ápreso in pugno┬ála barra┬ádella crisi istituzionale in cui si dibatte la classe politica di fronte all’emergenza economica e finanziaria, ha spinto sull’acceleratore per l’approvazione immediata della legge di stabilità, primo passo chiesto dall’Europa, ha costretto il capo del governo a rinunciare alla strategia della sopravvivenza, facendogli prendere atto che non gode più della maggioranza politica e numerica in parlamento, rassicurando successivamente i mercati sulle anomale ed ambigue dimissioni avanzate dal premier.┬á

Ha infine nominato il professore di economia Mario Monti a senatore a vita, preludio ad un possibile incarico di formazione del nuovo governo. I mercati internazionali come sappiamo hanno accolto positivamente la nomina, spread ed interessi sono diminuiti (ma rimangono a livelli di guardia), le borse sono in ripresa. Con segnali altrettanto chiari, in precedenza gli stessi mercati avevano dichiarato l’assoluta sfiducia e la non credibilità nonché l’incapacità del governo in carica ad implementare le misure richieste per controllare il debito pubblico e favorire la crescita. I mercati hanno fatto cadere il governo, faranno cadere anche i prossimi, che nasceranno nel solco del precedente. Anche in queste ultime ore si sono riaperte le grandi manovre per meglio posizionarsi alle prossime elezioni politiche, dimenticando gli urgenti problemi del paese (crisi economica ed emergenza dissesto idrogeologico).

Ma┬ái partiti┬ánon possono formare un governo che nasce all’interno dell’attuale classe politica, screditata sul piano interno non meno che su quello internazionale. Napolitano, con le misure che ha adottato, dimostra di averlo capito chiaramente. Il Presidente della Repubblica gode di un consenso bulgaro fra i cittadini italiani, è avvertito dalla gente┬ácome una persona che senza conflitti di interessi opera esclusivamente per il bene comune,┬á egli è la massima autorità istituzionale, emblema della nazione, attorno a cui noi┬áitaliani ci stringiamo quasi affettuosamente per invocare soccorso, poichè il paese è senza guida politica sull’orlo di un baratro che riserverà paure e sacrifici a tutti. Conscio della necessità di decisioni immediate e gravi, e di provvedimenti che solo una persona competente e come lui affrancata dai partiti pu├▓ imporre, il Presidente sembra aver voluto indicare un cattedratico italiano di esperienza e fama internazionale. Con sapiente mossa gli ha dato il titolo di senatore a vita, sottraendolo ad ogni partito e dandogli garanzia di decisioni politiche libere da ogni condizionamento.

Il professor Monti, gode di un prestigio internazionale indiscusso, pu├▓ rappresentare il baluardo e la testa di ponte verso le invocate riforme, è persona che rassicura gli investitori internazionali e le cancellerie di mezzo mondo sulla capacità dell’Italia di cambiare passo per far fronte al suo debito. E’ un uomo onesto, buono, pacato, riservato, competente, il suo valore è stato riconosciuto dai governi italiani di destra e di sinistra, che l’hanno proposto e sostenuto in qualità di commissario europeo, è garanzia di imparzialità per tutte le forze politiche. Europeista convinto. Senatore a vita, ┬ápu├▓ fare scelte necessarie ed impopolari nell’esclusivo interesse della nazione.

Alcune recenti immagini lo mostrano camminare nelle hall degli aeroporti, col soprabito chiaro e la borsa a tracolla, una signora sola al suo fianco, lo sguardo cercare il tabellone delle partenze; l’anedottica dei giornali lo descrive seduto con gli altri passeggeri mentre guarda dai finestroni del gate un codazzo di auto blu a sirene spiegate recuperare un gruppetto di ministri di rientro dai palazzi romani. A Roma un’auto messa a disposizione dal Presidente lo porta al Quirinale. SuperMario è ┬áuno come noi. Non ne possiamo più di questi politici, soprattutto di quelli che hanno occupato incarichi di governo o che l’hanno sostenuto grottescamente ad oltranza, massimi responsabili di questo disastro. Non dimentichiamo che ci lasciano un conto salato da pagare. Siamo disposti a fare sacrifici, ma non ce li devono chiedere gli incompetenti autori della vicina bancarotta. Si┬á mettano da parte per qualche tempo, in panchina, a riflettere e imparare.

┬á┬á┬á┬á┬á┬á”C’è un lavoro enorme da fare” ┬á┬á

Monti scelga i ministri senza condizionamenti dei partiti, in completa autonomia, come prevede l’art. 92 della Costituzione Italiana, giuri nelle mani del Presidente della Repubblica e si presenti al Parlamento per ottenere la fiducia. Se non l’avrà, si vada pure alle elezioni. Ogni uomo politico si sarà assunto le proprie responsabilità davanti al paese. Si sarà detto di no alla volontà del Presidente della Repubblica. L’Italia avrà perso ancora una volta il treno del cambiamento.

________________________

Modena, 12 Novembre 2011, Beretta Roberto

________________________________________

articoli correlati: Un paese senza guida, Un nuovo governo

 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>