In chiesa

 

chiesavecchia

(Giovanni Pascoli, Mirycae, 1892) Maggio era (ed è tuttora) il mese dedicato a Maria. Le sere di maggio tutto il paese si dava appuntamento per la recita del rosario al “santuario”, la chiesa vecchia, dedicata alla Madonna di Caravaggio, edificata dal XVI al XIX secolo al limitare della scarpata boscosa, la quale precipita in balze sulla scalinata che porta con breve tratto al “lavandè” ed al fiume. Al termine della funzione, mentre nell’aria ancora riecheggiava l’eco dei canti e delle litanie dei santi e della predica tuonante e dell’organo solenne, sotto il colonnato e sul sagrato un chiacchiericcio garrulo e gioioso si udiva, e nel bosco le grida dei bambini che si rincorrevano su e giù per la scarpata sfruttando le liane, o sul viale giocando a nascondino protetti nel cavo delle siepi. Nel cielo emulavano i bambini le rondini in gara, nei loro garruli infiniti precipitosi giri. Il profumo dolciastro dei fiori di acacia nel bosco e del filare di tigli, assieme all’odore selvaggio dei sambuchi fioriti, si confondeva con l’odore dell’incenso che emanava dalla chiesa. Di lì a poco scorgevi le tenui luci sinuose delle lucciole e, al sommo della volta celeste, scintillavano le eterne stelle. (r.b.)

__________

IN CHIESA

Sciama con un ronzio d’api la gente

dalla chiesetta in sul colle selvaggio;

e per la sera limpida di maggio

vanno le donne, a schiera, lente lente;

e passano tra l’alta erba stridente,

e pare una fiorita il lor passaggio:

le attende a valle tacito il villaggio

con le capanne chiuse e sonnolente.

Ma la chiesetta ancor nell’alto svaria

tra le betulle, e il tetto d’un intenso

rossor sfavilla nel silenzio alpestre.

Il rombo delle pie laudi nell’aria

palpita ancora; un lieve odor d’incenso

sperdesi tra le mente e le ginestre.

 Giovanni     Pascoli 

________________________

151° Unità d’Italia, Modena 6 maggio 2012, Beretta Roberto

________________________________________

< la pioggia è luce <    > gabbiani >

:roll: poesie

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>