viale Reiter

Fu un’attrice di primo piano nel teatro italiano tra Ottocento e Novecento,
da sempre dotata di una voce melodiosa e di grande espressività, capace di entrare in comunicazione con il pubblico anche grazie alla sua affascinante femminilità. Interpretò con maestria il teatro shakespeariano, ma anche il repertorio italiano contemporaneo (per esempio “La Lupa” di G. Verga, 1896). Si impiegò brillantemente in tutti i generi teatrali, fra cui la commedia: restò famosa, fra le altre, la sua interpretazione di Madame Sans-Gêne, di V. Sardou.

Virginia Reiter nacque a Modena in data 16 gennaio 1862 da una famiglia di origine tedesca.

Dal 1882 al 1894 fece parte della compagnia di G. Emanuel, che subito le affidò parti di prima attrice,

Nella stagione 1894-1895 lavorò con la Talli – Reinach in alcuni testi brillanti e dal 1895 al 1899 aderì alla compagnia Leigheb. Con questa fu, nel 1896, già apprezzata nel dramma, prima interprete de “La Lupa” di Giovanni Verga. Formò poi, tra il 1900 e il 1902, la Reiter – Pasta con Francesco Pasta. Con questa compagnia mise in scena il suo maggior cavallo di battaglia: Madame Sans-Gêne di Victorien Sardou e Emile Moreau, da lei replicato varie volte, tanto da venir assimilata a Caterina, la schietta e simpatica protagonista della commedia.

Fu quindi socia di Luigi Carini con il quale rimase sino al 1915, anno in cui si ritirò dalle scene. Grazie all’estrema versatilità ottiene grandi gratificazioni in ogni genere.

Virginia morì a Modena, sua città natale, lì 22 gennaio 1937, poco dopo aver compiuto i settantacinque anni.

______________________

151° Unità d’Italia, Modena, 20 marzo 2012, Francesco Ferraguti

_________________________________________________

 < via Carlo Pisacane <   > scuole Niccolò Tommaseo >

 :roll:  strade italiane