Moratoria sulle costruzioni

MORATORIA SULLE COSTRUZIONI PER 10 ANNI. “Se il paese scegliesse di non fare nuove case, ma di mettere in sicurezza quelle che ci sono, salvaguarderebbe quel patrimonio unico al mondo che sono il nostro territorio, le nostre comunità, i nostri abitanti e che, invece, in questa condizione di generale abbandono è messo in pericolo”. (Franco Gabrielli, capo della Protezione Civile, dichiarazioni durante il summit a Pisa con i sindaci dei comuni toscani colpiti dal maltempo, per i quali ha presentato al Consiglio dei Ministri richiesta di riconoscimento dello stato di emergenza per Lazio e Toscana, ANSA, 10 febbraio 2014). Prosegue Gabrielli: “Il problema dei problemi è proprio questo: noi parliamo e ci parliamo addosso.” “Credo sia molto difficile riuscire in un paese diviso come il nostro, dove ognuno guarda al proprio particolare, ma dobbiamo provarci. 😐 Anche perchè abbiamo un grosso problema: abbiamo fatto in passato un uso smisurato del suolo e ora ne paghiamo le conseguenze. Si è costruito laddove non si doveva costruire e lo Stato, in molte occasioni, per far cassa ha condonato”. Quindi si sfoga. “Io sono come un medico, mandato al fronte ad una guerra che non ho fatto io e al quale chiedono di curare gambe amputate, braccia ustionate e mani dilaniate con grandi paccate di aspirina. Ed invece servirebbero farmaci e strumenti ben più potenti”. “Altrimenti continueremo a raccattare e contare morti in giro”.

_____________________________

152° Unità d’Italia, 20 febbraio 2014, Beretta Roberto Claudio

_____________________________________________

ambiente

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>