Facciamo lavorare i detenuti

Nella festa del lavoro il pensiero corre spesso a chi il lavoro non ce l’ha. C’è una categoria di disoccupati dimenticata da tutti, e che tutti vorrebbero far lavorare a vita, gratuitamente e per punizione, ma che nella pratica non riescono a lavorare perché nessuno li vorrebbe come propri dipendenti o perché nessuno salvo gli addetti ai lavori si interessa di loro. Sono stati espulsi dalla società e confinati nei luoghi di pena e lì dimenticati queste persone, per le quali il lavoro potrebbe rappresentare l’opportunità di riscatto della propria vita, di riabilitazione agli occhi della società, il mezzo per il reinserimento nella vita civile. Languono invece nelle frustrazioni di un’oziosità forzosa ed impotente, nell’attesa di una liberazione sperata e nello stesso tempo temuta, poichè per la maggior parte significa ratificazione della definitiva esclusione dalla società degli uomini. Sette detenuti su dieci in Italia tornano a commettere reati dopo essere stati scarcerati (*). Uno dei principali motivi del fallimento dell’attuale impostazione del sistema carcerario è il non far lavorare i detenuti. Un detenuto senza lavoro è una zavorra per la società.  Il costo, per i contribuenti, di questa Caporetto è di  3 (tre) miliardi di euro all’anno (*). 

(*) dati pubblicati su “Sette”, numero 17, 27 aprile 2016, settimanale del “Corriere della Sera”

_______________________________________

155° Unità d’Italia, 1 maggio 2016, Beretta Roberto Claudio

____________________________________________________

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>