Il maggiore Marulli

La folla in festa accompagnò il maggiore e i suoi graduati alla casa di Pietro Paolo Perazzi. L’ufficiale non aveva una grande premura. Quando a Sapri, l’infaticabile giudice Fischietti, gli aveva offerto un buon cavallo ed organizzato in brevissimo tempo il trasporto dei bagagli, perché con la sua truppa potesse avanzare più spedito, il maggiore aveva rifiutato. Poco prima infatti era venuto a conoscenza nei minimi dettagli della meta e dei movimenti dei ribelli. Una pattuglia che Pisacane aveva mantenuto in loco in esplorazione il giorno avanti, era caduta, o forse si era consegnata, nelle mani delle guardie urbane del tenimento di Vibonati, 😐 e gli uomini catturati erano stati condotti all’ammiraglio Roberti davanti al quale avevano vuotato il sacco. Il maggiore aveva osservato attentamente le carte militari, e compreso che la banda andava dritto dritto a gettarsi fra le braccia del colonnello Ghio, il quale non sarebbe giunto a Sala, calcolata la distanza da percorrere, prima del giorno dopo. Era stato inoltre informato dall’ammiraglio che altre due compagnie di cacciatori navigavano sul ‘Veloce’ ed in breve tempo, se egli non avesse forzato la marcia, avrebbero potuto riunirsi alle quattro che già erano sotto il suo comando. Sapeva ancora che il generale de Rivera stava organizzando guardie urbane e truppe nella provincia della Calabria citeriore. A che scopo dunque affrettarsi e rischiare un precoce scontro a fuoco con i ribelli, in parità numerica di forze, pur col vantaggio della posizione? Bisognava frenare l’impazienza ed essere prudenti. Per il maggiore, aspettare era infatti più saggio che agire.

A Torraca, nella casa del Perazzi, non mancavano d’altronde ottimi consigli sul percorso giusto da seguire. Pisacane si era inerpicato su per i monti, per la via del Cocuzzo, per raggiungere Padula, pullulante di liberali. Ma il Cocuzzo era impervio ed aspro. La mulattiera che si dirigeva a Tortorella, più agevole, offriva invece un terreno più adatto alla marcia dei soldati, ed una via più breve verso il Vallo di Diano. Questo sentiero suggeriva nel contempo al maggiore la mossa che chiudeva in trappola la banda degli insorti. Da Tortorella, attraverso Casaletto, si poteva giungere a Sanza e poi a Buonabitacolo, due borghi posti sulle pendici del monte Cervato, nella vallata del Bussento, che si stende in posizione sudoccidentale rispetto al Vallo di Diano in cui confluisce, a un tiro di schioppo dalla cittadina di Padula. Regolando la marcia sull’atteso arrivo di Ghio, i seicento cacciatori di cui disponeva sarebbero apparsi all’ala sinistra ed alle spalle della colonna dei ribelli, sbarrando loro la via ed ogni speranza di fuga verso il Cilento ed il mare. Si chiudeva così la trappola sull’infelice spedizione.

Nel pomeriggio il maggiore Marulli alla testa dei suoi soldati s’incamminò dunque verso Tortorella. Qui, una squadra di uomini del paese, cui era capo il cavalier Felice Pecorelli, si unì a loro. Poi, percorso il selvaggio sentiero dei Rupazzi, giunse nell’abitato di Casaletto Spartano, dove si accampò per la notte. L’indomani, primo giorno di luglio, di buon’ora, riprese la marcia verso Sanza. Sapeva ancora il maggiore di essere stato di poche ore preceduto sui medesimi sentieri da una pattuglia di esploratori di Pisacane, quattro uomini partiti da Torraca il giorno prima, ignari del destino che attendeva loro a un dì presso.

fine del 28° episodio

_______________________________

151° Unità d’Italia, Modena 14 febbraio 2013, Beretta Roberto Claudio

_______________________________________________________

 :roll: la spedizione di Sapri

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>