Uccisione di Costabile Carducci

A maggio, dopo che il re Ferdinando aveva sospeso la Costituzione da poco concessa e sciolto il Parlamento, Costabile Carducci, assieme ad altri deputati, era fuggito da Napoli su una nave francese diretta a Civitavecchia, poi si era diretto in Sicilia, per riprendere la lotta contro l’assolutismo borbonico. Nell’isola si unì agli indipendentisti siciliani diretti in Calabria e, giunto a Paola cercò di sostenere un tentativo di insurrezione nel cosentino al comando di una brigata di volontari. Ma la rivolta fallì ed egli cercò di trovare rifugio nel Cilento, dove era nato, e dove poteva contare su appoggi e protezioni.

Costabile salì su una barca alla marina di Praia con nove compagni diretto aCostabile Carducci Sapri. Durante la traversata il gruppo fu investito da una tempesta, e non potendo la piccola imbarcazione su cui viaggiavano sostenere l’impeto del mare, gli uomini furono costretti ad approdare alla spiaggia Porticello, ben riparata dalle correnti marine, ad Acquafredda di Maratea. Era il 4 luglio del 1848. Due donne che stavano lavando i panni alla fonte, avvistarono i naufraghi, ed una di loro corse subito dall’anziano sacerdote, don Vincenzo Peluso, a dare la notizia. Don Vincenzo era noto a tutti per la sua fedeltà ai Borboni e, dopo lo scoppio della rivolta nel Cilento, era stato costretto a fuggire da Sapri in seguito alle minacce che egli ed il vescovo Laudisio avevano ricevuto proprio da Carducci. E così si era nascosto sugli erti luoghi della vicina Acquafredda, presso una casa rurale sulla Punta di San Pietro. La casa era costruita su una vecchia torre circolare che dominava il mare. All’annuncio della donna, don Vincenzo, ancora pieno di rancore, fece radunare i nipoti ed alcune persone fidate, ed ordinò loro di correre subito armati di fucili alla spiaggia, dove Costabile ed i suoi amici aspettavano con ansia che la tempesta si placasse per potere riprendere il mare. All’improvviso apparvero dall’alto, sul costone che dominava la spiaggia, gli uomini di don Vincenzo. Costabile cercò invano di spiegare agli armati che essi vi si trovavano per caso a causa del maltempo, che non avevano alcuna cattiva intenzione, che se ne sarebbero andati appena il mare si fosse placato, e li pregavano di non far loro del male. Ma don Vincenzo cercava un pretesto per vendicarsi. Qualcuno dunque gridò “viva il Re !”. Al che i rivoluzionari risposero “Viva la repubblica !”. I Peluso e gli altri armati aprirono il fuoco sugli inermi. Tre patrioti furono colpiti, cinque vennero catturati, un altro cercò di fuggire, ma fu raggiunto e ucciso. Costabile, ferito gravemente alla spalla, fu fatto prigioniero e portato nella pineta di Acquafredda. Qui fu ucciso a sangue freddo con un colpo alla nuca, e il suo corpo gettato in un dirupo. Don Vincenzo rubò il denaro e l’oro e l’argento che si trovavano nella valigia di Costabile, che dovevano servire per sostenere finanziariamente le ribellioni nel regno. Poi tornò trionfante a Sapri portando come trofeo la sciabola e il cappello di Costabile. Re Ferdinando in seguito lo ricompensò, ed ebbe grandi onori per questo efferato delitto. Molti giorni dopo una pastorella si imbattè nei resti di Costabile e, grazie alla pietà di un altro sacerdote, il suo corpo fu recuperato e sepolto nella cripta della chiesa di Acquafredda.

> fine del 13° episodio <

< il deserto di Sapri <  > un dispaccio da Gaeta >

 :roll: la spedizione di Sapri

_________________________

151° Unità d’Italia, 14 giugno 2012, Chiara Beretta

______________________________________________________

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>