Risultati e conseguenze

I RISULTATI E LE CONSEGUENZE POLITICHE

La Democrazia Cristiana stravince le elezioni, incrementa a due cifre percentuali i consensi rispetto alle precedenti elezioni, sfiora la maggioranza assoluta, che ottiene in 10 regioni su 20, nel Nord-Est la roccaforte bianca e cattolica, con il 60% dei suffragi in Veneto ed il 57% in Friuli, sorprende nel triangolo produttivo e industriale Lombardia – Piemonte – Liguria, si pone come prima forza partitica nel meridione. Il Fronte Democratico Popolare subisce una cocente sconfitta, del tutto inattesa e non ipotizzabile all’ inizio della campagna elettorale, sfiora la maggioranza assoluta nelle regioni rosse Emilia Romagna (51%) Toscana (48%), Umbria (47%).

Questi i dati della Camera dei Deputati. Il 18 Aprile 1948 hanno votato 26.855.741 elettori, il 92% degli aventi diritto. I voti validi sono stati 26.264.458 (98% del numero dei votanti). I voti sono stati così distribuiti fra i partiti maggiori:

Partito voti validi % seggi
Democrazia Cristiana 12.740.042 48,51 305
Fronte Democratico Popolare 8.136.637 30,98 183
Unità Socialista 1.858.116 7,07 33
Blocco Nazionale 1.003.727 3,82 19
Partito Nazionale Monarchico 729.078 2,78 14
Partito Repubblicano Italiano 651.875 2,48 9
Movimento Sociale Italiano 526.882 2,00 6
Südtiroler Volkspartei 124.243 0,47 3
Partito dei Contadini d’ Italia 95.914 0,37 1
Partito Sardo d’ Azione 61.928 0,24 1
Altre liste 0
totale 26.264.458 100 574

Fonte: Wikipedia

La Democrazia Cristiana stravince le elezioni, incrementa a due cifre percentuali i consensi rispetto alle precedenti elezioni, sfiora la maggioranza assoluta, che ottiene in 10 regioni su 20, nel Nord-Est la roccaforte bianca e cattolica, con il 60% dei suffragi in Veneto ed il 57% in Friuli, sorprende nel triangolo produttivo e industriale Lombardia – Piemonte – Liguria, si pone come prima forza partitica nel meridione. Il Fronte Democratico Popolare subisce una cocente sconfitta, del tutto inattesa e non ipotizzabile all’ inizio della campagna elettorale, sfiora la maggioranza assoluta nelle regioni rosse Emilia Romagna (51%) Toscana (48%), Umbria (47%).

I risultati delle urne hanno stabilito nuovi rapporti di forza fra i soggetti politici, che sia pur con minime variazioni, resteranno immodificati nella prima repubblica fino all’inizio degli anni novanta: un grande e popolare partito di centro, una grande forza di opposizione, una terza forza socialista assieme ad uno sciame di partiti minori attratti in seguito nell’ orbita della democrazia cristiana per dar vita al centrismo degasperiano e successivamente all’ esperienza di centro sinistra.

Sul piano internazionale le elezioni hanno sancito l’ adesione dell’ Italia al blocco occidentale, sul versante interno hanno fissato due visioni contrapposte ed inconciliabili della società, che si sono realizzate attraverso una forte appartenenza ideologica, la mobilitazione di massa, l’ intervento della chiesa e delle gerarchie ecclesiastiche, la contrapposizione comunismo-anticomunismo, la trasformazione dell’ avversario politico in nemico da delegittimare, l’ esclusione dei comunisti da qualsiasi governo.

fine

  :roll:  Le elezioni del 1948

_________________________

151° Unità d’Italia, 17 settembre 2012, Beretta Roberto

________________________________________

Modena, 2 maggio 2011, Beretta Roberto

Bibliografia: E. Novelli, Le elezioni del quarantotto, Donzelli Editore

Le riproduzioni dei manifesti elettorali sono state gentilmente concesse dallo Studio Fotografico Croce – Piacenza

________________________________________________________________________

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>