Meno male che Giorgio c’├¿

La recente nota del Presidente della Repubblica ha ricordato a tutti gli italiani, ed in particolare ad alcuni, che la separazione dei poteri è uno dei pilastri fondativi della nostra democrazia, che c’è stata una sentenza definitiva di condanna, che non si pu├▓ far altro che prenderne atto, e che c’è l’obbligo di applicare tale sentenza. In questo come in ogni altro caso. In altre parole, la magistratura, organo dello Stato di controllo della legalità, ha il potere, l’autonomia e l’indipendenza per giudicare, e le sentenze da essa pronunciate devono essere accettate ed applicate. E la legge è uguale per tutti. Il dissenso e la riserva sono legittimi, ma non sono assolutamente accettabili le “ritorsioni” ai danni delle istituzioni, impraticabili le ipotesi di scioglimento delle camere ed elezioni anticipate in opposizione alla sentenza. 😉 Infine, il Presidente della Repubblica, dopo avere ricordato che non è la prima volta che un ex-capo del governo viene condannato (Forlani, Craxi), che la normativa vigente esclude che il pregiudicato in questione┬á debba espiare la pena in carcere, essendo previste pene alternative, e che per la sollecitazione della grazia è essenziale la presentazione di una domanda, fa presente che spetta al partito decidere se consentire al suo leader di continuare ancora nella sua funzione di guida. Così dicendo, il Capo dello Stato ribadisce che la Repubblica sta su un piano più alto degli individui, che le istituzioni non devono essere toccate dalle vicende personali di singoli cittadini, che la sorte del pregiudicato per frode fiscale è un affare interno al suo partito, e che infine non ci saranno per lui salvacondotti istituzionali rilasciati d’ufficio. (r.b.)

_______________________

152° Unità d’Italia, 15 agosto 2013, Beretta Roberto Claudio

________________________________________________

attualità

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>