I rifiuti di Napoli

L’emergenza rifiuti di Napoli è un problema che riguarda tutta la nazione. Nel 150° dell’ unità d’Italia non possiamo abbandonare una grande città in un momento di estrema difficoltà e pericolo per le istituzioni civiche e per la salute dei suoi abitanti, lasciando maturare nel resto del paese volgari e rozzi sentimenti di rifiuto, se non di aperta ostilità di cinismo di irrisione. Una grande nazione si manifesta prima di tutto nella solidarietà fra cittadini. Questo è il momento di dimostrare di essere italiani e di voler essere una nazione. Del resto la solidarietà è nel nostro DNA.Si possono fare infiniti esempi. L’ Aquila è ancora davanti ai nostri occhi. Ed ancor più recentemente il governo ha dato centinaia di milioni di risarcimento ai veneti per le alluvioni di novembre.

Non bisogna poi ritenere di essere civili e virtuosi per il fatto che le città al nord sono più pulite (meno sporche). Ciascuno di noi può quotidianamente sperimentare anche qui la totale mancanza di senso civico e di rispetto per l’ambiente. Nella mia città trovo le strade e le piazze ordinate al mattino, semplicemente perché c’è un’azienda che è pagata per pulirle regolarmente, ma in teoria non ce ne sarebbe bisogno se i suoi cittadini non la sporcassero regolarmente dal mattino alla sera abbandonando ogni genere di rifiuti. Non v’è manifestazione o concerto che non lasci un vergognoso e disarmante immondezzaio dietro di sé. Sul ciglio delle nostre strade lungo le ferrovie, nei vicini terreni agricoli, nei boschi, ovunque rifiuti. Quante volte vediamo volare cartacce davanti a noi dal finestrino delle auto. Quante volte vediamo angosciati nel parco o alla scuola bambini (!) gettare la carta del gelato delle patatine della merendina per terra! Con che voce diciamo non vogliamo i rifiuti altrui, quando siamo noi stessi i primi a gettarne nei luoghi dove abitiamo ogni giorno. Napoli è più vicina a noi di quello che pensiamo.

Abbandonare in questo momento la città di Napoli al proprio destino significa perdere una formidabile occasione per far sentire la solidarietà degli italiani, e far sentire i napoletani italiani. Non lasciamo sola Napoli. Qui si fa l’Italia. Bisogna accettare i rifiuti di Napoli. Credere e dare concretezza al cambiamento che i cittadini hanno chiesto con le recenti elezioni. Sostenere la nuova amministrazione. Contrastare le organizzazione malavitose. Solo attraverso l’aiuto concreto e solidale è lecito chiedere con forza e pretendere che la città organizzi finalmente una gestione rifiuti consona ad una moderna città italiana ed europea. Il problema dei rifiuti di Napoli si deve e si può risolvere solo con il concorso di tutti i cittadini italiani.

Modena, 25 giugno 2011

Beretta Roberto

_____________

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>