Silvio Pellico – Le mie prigioni

Esperienza di privazioni, di patimenti, di malattia, di disperazione, di solitudine. Nell’abisso della privazione della libertà e dei diritti elementari della vita, egli sopporta la sua condizione con pazienza quotidiana, e proprio davanti e nei propri aguzzini, pone l’accento sulla naturale bontà dell’animo umano, riscopre e rinsalda la fede in Dio, condanna l’ira ed esalta la carità, l’accettazione delle sofferenze come mezzo di purificazione morale, trova nell’amicizia e nella solidarietà motivo di conforto e ragione di vita. La fede e l’amicizia costituiscono il significatoed il valore della vita. In esse Pellico attinge forza per affrontare il carcere durissimo, che ha come unica via d’uscita la morte, perduta anche l’estrema illusione della grazia dell’imperatore, un tempo scaturita da una dichiarazione del commissario di polizia che lo conduce allo Spielberg e poi riaccesa con laCortona,_Pietro_da,_La_divina_provvidenza_palazzo_Barberini_roma liberazione di alcuni compagni. Egli vede molti compatrioti italiani morire in carcere, egli sa che le lunghe malattie, le privazioni, la fame lo condurranno infine lì, nel piccolo campo cimiteriale della fortezza. Nel suo corpo in disfacimento ed in quello dell’amico Maroncelli – col quale da un certo punto in avanti dividerà la cella, poiché l’assistenza ai prigionieri malati non può più essere assicurata dai carcerieri e quindi i detenuti sofferenti sono riuniti a due a due affinché si scambino vicendevolmente conforto e cura – egli intravede raffigurata l’universale miseria e sventura. Prende perciò congedo dal mondo dei vivi con serenità consapevole del proprio destino, confortato dalla religione e dall’amicizia. Ma lungi dall’abbandonarsi all’angoscia ed alla rassegnazione, attraverso la preghiera e la fede, intensamente voluta affermata e difesa, nonostante i dubbi e la ribellione interna, Silvio Pellico accetta il disegno divino, uomini e cose sono strumenti che la provvidenza sa adoperare per mirabili fini, e nel suo caso specificatamente la riscoperta della fede, l’esercizio dell’amore per il prossimo, il dono concreto dell’amicizia, e quale giusto premio per lui la consolazione e la felicità che si compie, riacquistata finalmente la libertà, nel riabbracciare i propri cari.

Modena, 14 Luglio 2011

Beretta Roberto

_____________________

“Silvio Pellico” torna giovedì 21 Luglio (brani dalle mie prigioni)”

precedente: Silvio Pellico

successivo: Maroncelli e la Zanze

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>