Sciopero generale

CONTRO LE POLITICHE ECONOMICHE DEL GOVERNO

Grande adesione allo sciopero secondo le organizzazioni sindacali con decine di migliaia di lavoratori scesi in piazza in numerose città italiane. Il ministro del lavoro (Poletti) ascolta quello che dice la piazza ma resta fermamente intenzionato a completare le riforme, perchè l’Europa ci chiede di essere coerenti, ed inoltre “senza riforme siamo condannati al declino” (Renzi). Insomma il governo tirerà diritto. Così per l’esecutivo è meglio piegarsi tout court alle pressioni europee piuttosto che ascoltare le proposte dei lavoratori italiani destinatari della riforma. D’altra parte l’argomentazione principale che le riforme sono necessarie e urgenti e che senza riforme siamo condannati al declino è piuttosto deboluccia, dato che non è il riformare in sé quello che conta, quanto invece il contenuto della riforma. La necessità della riforma non significa che qualsiasi riforma vada bene. E non si può fare la riforma del lavoro senza i lavoratori o la legge di stabilità senza gli italiani. Più equilibrata e condivisibile la posizione del Presidente della Repubblica, il quale si augura che si discutano sia le decisioni già prese, come quella della legge di riforma del mercato del lavoro, sia quelle da prendere soprattutto per il rilancio dell’economia e dell’occupazione in un contesto europeo. Che detto in altri termini potrebbe significare che le decisioni prese in materia di riforma del lavoro siano ridiscusse (con i lavoratori) al fine di rilanciare l’economia e l’occupazione come anche l’Europa insistentemente chiede.

__________________________________

153 Unità d’Italia, 12 dicembre 2014, Beretta Roberto Claudio

________________________________________________

attualità

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>