Cantico delle creature

(Francesco d’Assisi, 1224) Ad un certo punto della sua vita Francesco d’Assisi, comprende che le ricchezze del padre non lo faranno felice, sceglie di conformare la propria vita all’ideale evangelico di povertà e si affida integralmente a Dio, causa prima, motore, e fine dell’universo. Solo Lui può essere lodato, glorificato, benedetto. Poco prima di morire, egli compone questo canto di lode che sale a Dio dalle sue creature, che costellano ogni punto dell’universo, colmo dell’Essere supremo. In questo affresco cosmico, San Francesco estaticamente intuisce che le creature di Dio, rappresentanti ciascuna un frammento della Sua immagine, cantano la grandezza del creatore attraverso la loro perfetta semplicità ed umiltà. Egli le nomina una per una con ordine cosmologico, dal sole all’uomo, ma senza stabilite gerarchie, perché parti di un Uno, e chiamandole affettuosamente di volta in volta fratello o sorella, ivi compresa sorella morte corporale, che per lui rappresenta il passaggio alla perfetta e totalizzante visione di Dio. L’uomo, creatura partecipante della stessa sostanza di tutte le altre, loda Dio quando sa perdonare, seguendo il Suo comandamento, e quando accetta serenamente la sofferenza e la malattia. (r.b.).

____________

CANTICO DELLE CREATURE

Altissimu, onnipotente, bon Signore,
tue so’ le laude, la gloria e l’honore et onne benedictione.

Ad te solo, Altissimo, se konfano
et nullu homo ène dignu te mentovare.

Laudato sie mi’ Signore, cun tucte le tue creature,
spetialmente messor lo frate sole,
lo qual è iorno et allumini noi per lui.
Et ellu è bellu e radiante cum grande splendore,
de te, Altissimo, porta significatione.

Laudato si’ mi’ Signore, per sora luna e le stelle,
in celu l’ài formate clarite et pretiose et belle.

Laudato si’ mi’ Signore, per frate vento
et per aere et nubilo et sereno et onne tempo,
per lo quale a le tue creature dai sustentamento.

Laudato si’ mi’ Signore, per sor aqua,
la quale è multo utile et humile et pretiosa et casta.

Laudato si’ mi Signore, per frate focu,
per lo quale ennallumini la nocte,
et ello è bello et iocundo et robustoso et forte.

Laudato si’ mi’ Signore, per sora nostra matre terra,
la quale ne sustenta et governa,
et produce diversi fructi con coloriti flori et herba.

Laudato si’ mi’ Signore, per quelli ke perdonano per lo tuo amore,
et sostengo infirmitate et tribulatione.

Beati quelli ke ‘l sosterrano in pace,
ka da te, Altissimo, sirano incoronati.

Laudato si’ mi’ Signore per sora nostra morte corporale,
da la quale nullu homo vivente pò skappare.
guai a cquelli ke morrano ne le peccata mortali,
beati quelli ke trovarà ne le tue santissime voluntati,
ka la morte secunda no ‘l farrà male.

Laudate et benedicete mi’ Signore’ et ringratiate
et serviateli cun grande humilitate.

_________________

San Francesco d’Assisi

______________

:roll: poesie

Cigoli: San Francesco, 1597-99

Parafrasi

Altissimo, onnipotente, buon Signore, tue sono le lodi, la gloria e l’onore e ogni benedizione. A te solo, Altissimo, si addicono, e nessun uomo è degno di pronunciare il tuo nome. Lodato sii, mio Signore, con tutte le tue creature, specialmente signor fratello sole, il quale è la luce del giorno, e Tu illumini noi per mezzo di lui. Ed esso è bello e raggiante con grande splendore: di Te, Altissimo, porta il segno. Lodato sii, mio Signore, per sorella luna e le stelle: in cielo le hai create splendenti e preziose e belle. Lodato sii, mio Signore, per fratello vento e per l’aria e per il tempo nuvoloso e sereno e per ogni stagione, per mezzo della quale dai nutrimento alle tue creature. Lodato sii, mio Signore, per sorella acqua, la quale è molto utile e umile e preziosa e pura. Lodato sii, mio Signore, per fratello fuoco, per mezzo della quale illumini la notte: ed esso è bello e giocondo e robusto e forte. Lodato sii, mio Signore, per sorella nostra madre terra, la quale ci sostiene e ci nutre, e produce diversi frutti con fiori colorati ed erba. Lodato sii, mio Signore, per quelli che perdonano per amore tuo e sopportano malattie e dolore. Beati quelli che le sopporteranno in pace, perché da te Altissimo, saranno incoronati. Lodato sii, mio Signore, per sorella nostra morte corporale alla quale nessun uomo può sfuggire. Guai a quelli che moriranno in peccato mortale; beati quelli che la morte troverà nella Tua santissima volontà, perché la seconda morte non farà loro male. Lodate e benedite il mio Signore e ringraziatelo e servitelo con grande umiltà. (r.b)

__________________

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>