La bandiera tricolore

L’anniversario della cattura di Ciro Menotti e dell’uccisione dei suoi compagni nella sua casa di Modena è appena alle spalle, le celebrazioni del 150° dell’Unità d’Italia faticano ad imporsi all’attenzione, c’è un clima di palpabile indifferenza di fastidio di aperta ostilità; in televisione un via vai di fazzoletti verdi, lanciati al sabotaggio dei festeggiamenti. La goccia che fa traboccare il vaso è l’idea dell’inopportunità di fermarsi a marzo per celebrare l’atto fondativo della nostra nazione, idea propagandata con la sfacciata argomentazione che in un momento di crisi economica – qualcuno ha forse sentito fin qui parlare di crisi?- sarebbe dannoso per il paese perdere una giornata di lavoro per una festa.

Disse dunque mio padre: “Quello che non fa l’Italia lo facciamo noi italiani. Affacceremo la nostra bandiera”. Più facile a dirsi che a farsi. Nessuno lo crederebbe, ma non c’è un solo negozio nella nostra città dove si vende un tricolore. Cerchiamo su internet. Così il mattino dopo, una gelida giornata di fine inverno, presa la macchina, è andato a Campogalliano, direttamente alla fabbrica. Quando aveva comprato la nostra casa aveva notato un braccetto ed un anello in ferro posto sotto il davanzale di una delle finestre sul corso ed in cuor suo aveva pensato che quella era davvero una bella casa, perché ci si poteva mettere anche una bandiera nei giorni di festa. Non avrebbe però mai immaginato che di lì a qualche anno nel festeggiare i centocinquant’anni del nostro paese, sarebbe stato costretto dall’indifferenza verso le istituzioni e la vita pubblica, la perdita del senso dello Stato e dell’identità nazionale, che si sono diffuse fra molti italiani in questi ultimi anni, non avrebbe mai immaginato dicevo che avrebbe dovuto esporre la bandiera per testimoniare che siamo ed apparteniamo ad un unico paese.

La stoffa della bandiera è morbida e scivola sotto le mie dita, i bei colori bianco rosso e verde catturano subito la nostra simpatia, l’asta di metallo nero ha un giro di foglioline all’apice a formare una gemma, quasi volesse alla vicina primavera sbocciare qualche fiore. Leghiamo la stoffa all’asta, poi mio papà si sporge alla finestra ad imbucare l’asta nell’anello. Il cuore ci batte forte nel petto. Nessuno in città ha una bandiera esposta, intendo dire che nessun cittadino ha un tricolore esposto a casa sua; certo vi sono le bandiere alle scuole , alla prefettura, al tribunale, alla provincia, forse al municipio, ma queste non contano. Sono povere bandiere vetuste e stanche, annerite dallo smog della città, aggrappate in disordine all’asta, stracciate, abbandonate dall’incuria degli uomini. Nessuno finora ha sentito il bisogno di manifestare tangibilmente che l’Italia celebra centocinquant’anni della sua storia. Ci sentiamo pionieri, carbonari, patrioti. Sperimentiamo lo stato d’animo l’eccitazione la determinazione il coraggio la paura di quegli eroi del risorgimento. Mia mamma è spaventata al punto da chiederci se i vigili, vedendo la bandiera dalla strada, sarebbero saliti in casa per farci una multa (ci avrebbero anche arrestato?).

CONTINUA MERCOLEDI’ PROSSIMO

la bandiera tricolore II

 :roll:  CUORE 150°

__________________________________

Modena, 28 settembre 2011

Chiara e Roberto Beretta

_______________________________________________________

Liberamente ispirato al racconto “I soldati”, Martedì 22 Novembre, Cuore, E. De Amicis

___________________________

Leggi il racconto su wikisource, clicca qui sotto:

http://it.wikisource.org/wiki/Cuore/Novembre/I_soldati

Cuore torna il 28 settembre

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>