Nuovo ostracismo

Ad Atene, l’ostracismo fu stabilito per legge dopo la caduta della tirannide. La legge veniva applicata così. Nell’ 😯 assemblea, ciascun cittadino scriveva su un coccio il nome dell’uomo che più di tutti appariva poter danneggiare la democrazia: il cittadino, il cui nome compariva sul maggior numero di cocci, era costretto all’esilio per un tempo di cinque anni. Gli ateniesi fecero questa legge non al fine di punire la malvagità dei cittadini, ma perché diventassero più umili i pensieri di coloro che occupano posizioni di potere. (da Diodoro Siculo).

Una democrazia moderna deve avere dei meccanismi per impedire che l’assuefazione ed il lungo esercizio del potere da parte di pochi, non danneggi nè metta in pericolo la sopravvivenza stessa delle sue istituzioni. Oggi in Italia una classe dirigente logorata da anni di occupazione del potere non solo appare non trovare gli spunti necessari per un profondo rinnovamento interno, ma dimostra giorno dopo giorno di non essere in sintonia con il paese, ed affonda nell’inerzia e negli scandali. Disinteresse per il bene pubblico, corruzione, privilegi, interesse personale, incompetenza, servilismo, volgarità. Una reale bonifica della vita pubblica richiede perci├▓ la radicale sostituzione della classe dirigente attuale. Una democrazia ha bisogno del turn-over dei suoi dirigenti per essere sana e viva. Per prevenire la corruzione, per impedire la costituzione di privilegi di casta, per portare continuamente nuove energie, idee riformatrici nel dibattito politico, soluzioni innovative ai problemi del paese. Occorre una nuova legge elettorale basata sul merito e sul tempo determinato.

Due soli mandati. Non sono ammissibili alla competizione elettorale coloro che sono già stati eletti nelle due legislature precedenti. Ci├▓ significa un solo mandato rinnovabile per una sola volta. Ci├▓ significa anche che fra una elezione e l’altra il candidato parlamentare deve lasciar passare un tempo pari almeno alla durata di due legislature. Deve tornare alla vita civile, per non perdere il contatto con il paese reale.

Non deve più esistere la professione del politico. Il politico è ogni comune cittadino. Operaio, ingegnere, artigiano, imprenditore, professore. Chiunque, per un arco temporale circoscritto della propria vita, ritiene di poter dare con la propria competenza un contributo decisivo alla crescita della comunità. Amministrare la cosa pubblica richiede fatica e spirito di sacrificio. Non è mestiere per ┬átutti. Solo chi è disinteressato a sé stesso, ma al contrario fortemente motivato a mettersi al servizio degli altri cittadini, pu├▓ aspirare a servire la democrazia e lo Stato.

In parlamento è depositata da anni una proposta di legge di iniziativa popolare firmata da più di trecentomila cittadini, che chiedono l’introduzione del vincolo dei due mandati. Dopo cinque anni il Parlamento non ha ancora trovato il tempo (o la volontà) di metterla in discussione in aula.

_____________________________________

151° Unità d’Italia, Modena 12 maggio 2012, Beretta Roberto

__________________________________________________

< breve storia dell’ICI <

tutti gli articoli di attualità pubblicati

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>