Nous sommes Charlie et Ahmed

I fatti di Parigi scuotono nelle fondamenta il nostro senso di sicurezza e ci impongono di prendere coscienza del pericolo mortale che incombe sulla nostra società oltre che sulla nostra vita. Non possiamo far finta di niente. La facilità con cui i terroristi hanno colpito nel cuore dell’Europa, l’odio profondo dimostrato nei confronti del mondo occidentale associato ad una inimmaginabile serena accettazione della conseguenza estrema del proprio gesto, il fanatismo, la brutalità, il disprezzo della persona e della vita umana in ogni espressione, hanno diffuso fra di noi una fino ad ora sconosciuta paura di poter essere bersagli in ogni luogo ed in qualsiasi momento del nostro tran-tran quotidiano. Superata la commozione e la paura di queste ore, dobbiamo assolutamente evitare di vegetare in uno stato di impreparazione, come abbiamo fatto in questi anni, a causa della sottovalutazione del fenomeno, e peggio ancora evitiamo di dimenticare fra qualche giorno, come spesso ci succede con le disgrazie. E’ fuori di dubbio che altri atti terroristici sono da attendere nell’immediato e prossimo futuro. E’ necessaria una presa di coscienza ed una mobilitazione a più livelli che coinvolga entrambe le comunità, quella occidentale e quella musulmana. Innanzitutto non bisogna cadere nella provocazione dei terroristi che mira a far sorgere una contrapposizione il cui elemento fondante è l’odio fra occidente ed islam, ed il cui risultato è una spirale di violenza senza fine. 😀 La lotta al terrorismo non è e non deve essere una guerra di religione o di persecuzione o di emarginazione dei musulmani. Come non dobbiamo commettere l’errore di identificare i musulmani coi terroristi, così i musulmani, essi stessi vittime di questi massacri a causa degli odi rinfocolati, devono a loro volta condannare il fanatismo dei terroristi e i delitti contro innocenti che quei terroristi compiono in nome di Allah, come comportamenti ed azioni estranee alla religione islamica. Bisogna cercare la collaborazione con i musulmani ed incoraggiarli. Favorire l’integrazione delle comunità. L’integrazione non è un intervento unidirezionale. Richiede lo sforzo di entrambe le culture. Implica l’ascolto, la volontà di conoscere e di capire l’altro, di superare la diversità, di trovare un livello più alto d’incontro. All’accoglienza deve corrispondere la disponibilità a riflettere su modelli culturali per molti versi antitetici. Accanto al dialogo ed al confronto pacifico non possono mancare incisive misure di polizia contro i terroristi, alcune delle quali abbiamo sentito sui media. Ricerca identificazione ed espulsione o incarcerazione di chi incita a metodi violenti contro la persona, dei reclutatori e dei fiancheggiatori della guerra di religione, arresto dei foreign fighters. Si può pensare ad un’anagrafe dei forum e dei social network, al controllo e la rimozione di contenuti pericolosi e di proselitismo. Infine una maggiore determinazione a governare il problema dell’immigrazione da parte del governo e dei politici attraverso una stretta sui flussi in entrata e l’identificazione dei soggetti possibilmente implicati nella galassia terroristica.

____________________________________

153° Unità d’Italia, 10 gennaio 2015, Beretta Roberto Claudio

______________________________________________

attualità

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>