Tu pur qui ?

DONIZETTI, LUCREZIA BORGIA

lucrezia borgia VII

Mentre Maffio insieme a un congruo gruppo di compagni di merende sono a terra agonizzanti, anche Gennaro sta per morire. E’ già stato avvelenato dal duca nel primo atto: in quell’occasione fu salvato per i capelli con l’antidoto da Lucrezia, che è sua madre, Gennaro tuttavia ignora di esserne il figlio. Entrando in scena Lucrezia è sorpresa di vederlo lì (lo credeva partito per Venezia) e capisce subito di aver fatto una cavolata. Gennaro fortunatamente ha l’antidoto che Lucrezia gli ha lasciato (non si sa mai) dopo il primo avvelenamento. Ma la dose che è rimasta basta solo per lui e non per gli amici, in particolare per Maffio, con il quale ha fatto un giuramento di amicizia di condividere il destino, nella vita e nella morte. Perciò rifiuta di salvarsi da solo, e decide di morire con gli amici. Bel gesto. Le cose si complicano, perché Gennaro è anche intenzionato ad uccidere Lucrezia, pluriomicida. Afferra il pugnale … A questo punto per salvare capre e cavoli (cioè il figlio e la madre, evitando matricidio e figlicidio), Lucrezia è costretta a rivelare il suo segreto, non senza faticosi giri di parole: “un Borgia sei, fur tuoi padri i padri miei”. Gennaro capisce di avere ora un altro potente motivo per non bere l’antidoto: un Borgia preferisce la morte, piuttosto che tradire gli amici. Lucrezia lo implora ancora di bere l’antidoto, il tempo passa inesorabilmente. Niente da fare. Nemmeno l’estremo gesto materno di versare a forza l’antidoto nella bocca del figlio (come il biberon del latte) può cambiare il destino. Per Gennaro l’ultima consolazione è di poter morire sul seno della mamma, che ha incessantemente cercato ed ora le sta davanti in carne ed ossa. Scena drammatica e commovente, dove si intrecciano il dolore di Lucrezia, la bellezza del morire fra le braccia della mamma, il valore sacro dell’amicizia e dei giuramenti. Sottotitolato.

play

________________________________________________________________

(Lucrezia Borgia, Gaetano Donizetti, Atto II, scena VII, Gennaro (Marcelo Alvarez, tenore), Lucrezia (Mariella Devia, soprano), Orchestra e coro del Teatro alla Scala, direttore Renato Palumbo, 2002, Milano, Teatro degli Arcimboldi)

_______________________________________

154° Unità d’Italia, 30 maggio 2015, Beretta Roberto Claudio

____________________________

 😎       SABATO ALL’OPERA

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>