Lettera ad una professoressa

La nostra cara prof di inglese vuole andare in pensione. Siamo tutti tristi. Infatti noi ragazzi desideriamo che rimanga, con tutto il cuore, davvero. La nostra prof è bionda e con gli occhi azzurri. Ha molte speciali qualità: è simpatica, comprensiva, materna, inventa sempre dei soprannomi per i suoi ragazzi: “oh, i miei zombini” (ad esempio). Trova sempre un modo per vivacizzare e rendere interessante la lezione, ci insegna un metodo di studio efficacissimo. Un’ insegnante perfetta, anche se qualche volta diventa severa, ma io so che fa così perché vuole che l’ inglese lo impariamo bene. Se siamo distratti o chiacchieriamo, ci guarda con degli occhi di fuoco che le escono dalle orbite. Ma quando facciamo degli strafalcioni, ci fa una facciotta dolce, e si strofina gli occhi facendo finta di piangere.

paoli-ruandaLa nostra prof di inglese, è anche la prof più solidale, più generosa (non voglio offendere tutte le altre prof, ma penso che ognuno abbia una qualità in cui eccelle). Il perché ve lo spiego subito. All’ inizio dell’ anno scolastico ha invitato noi ragazzi delle scuole S. Carlo e delle Paoli a portare (chi vuole naturalmente) un euro ogni mese per poter mantenere agli studi dei ragazzi africani del Ruanda che hanno la nostra stessa età. Per lei è molto importante. Quei ragazzi le stanno a cuore come se fossero figli suoi.

Questa notte ho fatto un sogno. Eravamo tutti in classe e c’ era l’ ora di inglese. La prof parlava, ma nessuno l’ ascoltava e noi la guardavamo facendo finta di stare attenti. Come spesso ci capita da quando si è diffusa la brutta notizia, siamo tutti tristi e le lezioni non ci appassionano più. Si sente bussare alla porta. “Avanti”. Entra la preside. Accompagna una nuova ragazza. Bionda e con gli occhi azzurri. La preside parla con la prof e prima di uscire, allunga sulla cattedra un foglio da compilare: è la domanda di riposo che la prof deve consegnare in segreteria, perché oggi è l’ ultimo giorno utile per chi vuole andare in pensione. La prof fissa assorta lo sguardo sulla nuova ragazza per un interminabile istante, le pare che assomigli a qualcuno che le è più caro di tutti, la sua cara nipotina, come è possibile, ma è proprio lei ? La conduce al banco di Webber. La bambina si siede, e sussurra a Webber che la prof le sembra molto simpatica. Webber non sa trattenere le lacrime scoppia a piangere e le confida che la prof deve andare in pensione alla fine dell’ anno. La bambina delusa alza la mano, e rivolgendosi all’ insegnante esclama:

“che peccato che se ne vada !”.

E allora la nostra prof prese la sua domanda di riposo, la fece in due pezzi, e disse: “Rimango”.

 :roll:   CUORE 150°

Chiara Beretta

Modena, 18 maggio 2011

Liberamente ispirato al racconto “Il direttore”, novembre 18 venerdì, Cuore, E. De Amicis

____________________________________________________________________

Leggi il racconto su wikisource, clicca qui sotto:

http://it.wikisource.org/wiki/Cuore/Novembre/Il_Direttore

Cuore torna mercoledì prossimo

Un pensiero su “Lettera ad una professoressa

  1. Carissima Chiara, la descrizione che hai fatto di me è molto generosa e mi ha molto commosso, proprio come mi commuovevo, da bambina, leggendo il libro “Cuore” e mai avrei pensato di ritrovare quelle parole rivolte a me.Mi fa piacere che alcuni studenti mi vedano così, perché è così che vorrei essere, anche se non sempre ci riesco. Come imparerai con l’andare del tempo, le stagioni della vita sono tutte belle e, anche se mi mancherai e mi mancherete tutti, per me ├¿ giunto il tempo di lasciare l’insegnamento altrimenti, con l’et├á che avanza, potrei combinare dei guai!!! Spero però di non lasciare definitivamente la scuola, almeno per quanto riguarda il Progetto Paoli-Ruanda, e di aver comunque altre occasioni per seguire la tua crescita e quella di tua sorella Silvia e dei tuoi compagni.
    Il tuo sogno è bellissimo ma, purtroppo, irrealizzabile. Ma è importante continuare a sognare perché a volte i sogni si realizzano ed io spero che nelle tua vita tu riuscirai a realizzare i tuoi sogni più importanti. Te lo auguro di cuore perch├® alcuni dei miei sogni, come quello di divenatre insegnante, sono diventati realt├á e hanno arricchito la mia vita oltre ogni mia più rosea attesa.
    Ti voglio bene,
    Iuna

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>