Avocadomania

AVOCADO

(Una produzione sulle spalle dell’ambiente)

Fino a che punto i nostri gusti e le mode possono avere impatti di larga scala sul pianeta e sulle vite di altre persone ?

Presentato come alimento “trendy” dal sapore esotico, il boom dell’avocado è in gran parte dovuto alla sua connotazione “healthy food”. Secondo la FAO la produzione globale di avocado è più che raddoppiata dal 1993 ad oggi. In Italia il consumo dal 2007 al 2016 è aumentato del 261%. Il volume di denaro che ruota attorno al commercio di questo frutto ha attirato l’attenzione di bande violente e narcotrafficanti in Messico,  paese da cui proviene il 43%  della produzione mondiale e dove il business vale due miliardi e mezzo di dollari. In Sud America alcune aree sono diventate teatro di ingiustizie e crimini ai danni dei coltivatori, che si trovano spesso nella condizione di dover pagare il pizzo per evitare rapine, rapimenti e uccisioni. Ad altri  vengono occupati i campi o incendiati e rubati i camion.

AvocadoL’aumento mondiale della domanda richiede nuovi terreni e quindi la coltivazione di questo frutto contribuisce alla deforestazione, alla distruzione dell’habitat naturale di centinaia di specie e alla riduzione della biodiversità. In trent’anni gli ettari dedicati alla coltivazione intensiva di avocado sono passati da 31000 a 118000.

La coltivazione intensiva richiede un grande fabbisogno d’acqua che viene sottratta ai fiumi ed al sottosuolo. Per dare un’idea del consumo idrico, basti pensare che per produrre un solo avocado sono necessari 70 litri d’acqua (20 in più di quelli giornalieri consegnati, ad esempio, alle famiglie cilene). I paesi che ne producono di più infatti sono anche quelli ad alto rischio siccità. In Cile le grosse compagnie agroalimentari deviano l’acqua dei fiumi tramite canali illegali e alcune sono state condannate per aver violato il diritto fondamentale all’acqua della popolazione. In più, l’elevato impiego di pesticidi, erbicidi, fertilizzanti porta alla contaminazione delle falde acquifere.

Non si deve dimenticare infine l’impatto ambientale in termini di aumento della CO2 dovuto al trasporto della merce da paesi così lontani. Per arrivare dal Messico agli scaffali dei nostri supermercati, un chilo di avocado messicani immette in atmosfera 18,5 kg di anidride carbonica tra il viaggio e la conservazione in cella frigorifera.

             159° Unità d’Italia, 29 dicembre 2020, Chiara Beretta        

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>