Un esempio da seguire

“Sono un consigliere comunale di un paese del Crotonese. Tre mesi fa ho rinunciato al compenso di consigliere; anche se minimo è stato un gesto simbolico. In una situazione in cui i politici “giocano” con la riduzione o meno del loro compenso, penso che un gesto possa essere un esempio da seguire” (lettera pubblicata sul quotidiano “la Repubblica”, 18 dicembre).

Continuo a ripetere dalle pagine del sito che vi sono moltissimi amministratori onesti ed animati da buona volontà e spirito di sacrificio per il paese, e che su questi cittadini dobbiamo investire,
anche riconoscendo pubblicamente l’ esempio dato con le loro scelte coraggiose. Queste scelte sono state possibili solo grazie alle pressioni dell’opinione pubblica amplificate dalla crisi economico-finanziaria internazionale. Per salvare l’Italia dai gorghi in cui ci hanno portato i cattivi politici, ritengo essenziale approfittare della contingenza economica che, evidenziando tutti i limiti dell’attuale classe politica, ha obbligato il Presidente della Repubblica ad inventare dal nulla un governo di tecnici. Restino i partiti in panchina per tutto il tempo necessario a ricreare un clima di fiducia nel parlamento e nelle istituzione dello Stato, fino a che non sia stato rigenerato un costruttivo sentimento di servizio per il paese in coloro che sono chiamati al difficile compito di rappresentare e curare gli interessi della nazione. Ecco alcuni altri esempi edificanti o quantomeno incoraggianti, emersi in questo difficile frangente per la nostra comunità.

  1. “Nel momento in cui si chiedono sacrifici a tutti i cittadini mi è sembrato doveroso rinunciare al mio compenso come Presidente del Consiglio e ministro dell’Economia”. (Mario Monti, 4 dicembre, durante la presentazione in conferenza stampa della manovra salva-Italia).
  2. Nonostante molte resistenze, dal primo gennaio 2012 entra in vigore la riforma del sistema pensionistico dei parlamentari. Il vitalizio è stato abolito. Viene introdotto il sistema di calcolo contributivo come per gli altri lavoratori. L’Ufficio di Presidenza della Camera ha dato il via libera ufficiale il 14 dicembre. Così ha fatto anche il Senato. Deputati e senatori percepiranno la pensione non prima del compimento dei 60 anni per chi sia stato parlamentare per più di una legislatura e al compimento dei 65 anni per chi invece abbia versato i contributi per una sola intera legislatura. La riforma non si applica agli ex-parlamentari.
  3. Alcune regioni hanno decretato l’abolizione dei vitalizi dei consiglieri regionali a partire dalla prossima legislatura.
  4. Dieci consiglieri regionali della Regione Marche, richiamando un emendamento al provvedimento del Consiglio in cui si autorizza la possibilità di non percepire il vitalizio da consigliere regionale, hanno dichiarato di non voler ricevere il vitalizio (10 dicembre). Per meglio inquadrare e ridimensionare il sacrificio, bisogna però ricordare che essi saranno rimborsati di quanto è stato fin qui loro trattenuto ai fini della costituzione del vitalizio nelle legislature effettuate.

______________________________

Modena, 17 dicembre 2011, Beretta Roberto

________________________________

Per saperne di più: Cancellato vitalizio senatori, Angelo Vassallo, Il conte di Cavour – VII, Il conte di Cavour – VIII (esce mercoledì 21/12), Gaetano Ferrieri

articoli di attualità pubblicati sul sito

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>