Il senato non elettivo

(LA RIFORMA COSTITUZIONALE ÔÇô 5)

E’ noto che da alcuni anni i partiti hanno subito una involuzione personalistica e verticistica. Ultimamente anche il maggior partito di sinistra si è adeguato all’andazzo. Il capo non ama discutere con i suoi collaboratori, è abituato a dare ordini a sottoposti e a togliersi dai piedi fastidiosi oppositori. Per essere sicuro della fedeltà e dell’obbedienza ha bisogno di scegliersi una corte. Per poter realizzare i suoi sogni e comandare ha bisogno, in un sistema suo malgrado (del capo) ancora democratico (fino a quando?), di ottenere in qualsiasi modo una maggioranza di sudditi. Per consentire il cambiamento in senso oligarchico, qualche anno fa si è passati da un sistema elettorale proporzionale con preferenze, a un sistema con premio di maggioranza e liste bloccate. Con esso l’elezione al Parlamento dipende dalle scelte e dalle graduatorie stabilite dai partiti.┬áLa scomparsa delle preferenze esclude i cittadini, li declassa a soggetti passivi, costituisce il passaggio dalla democrazia rappresentativa all’ oligarchia dei capipolo. La non elettività dei membri del nuovo senato rispecchia fedelmente questa deriva. E’ uno dei prezzi del patto del nazareno. Padroni, non padri, costituzionali.

LA RIFORMA COSTITUZIONALE ÔÇô 5. Continua

____________________________

153° Unità d’Italia, 13 agosto 2014, Beretta Roberto Claudio

__________________________________________

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>