Bataclan

Di fronte ai fatti di Parigi sono sterili gli appelli all’unità, alla responsabilità, alla moderazione, alla saggezza, al buono senso, al non avere paura. Non serve ricordare la forza della democrazia, la vittoria sul terrorismo interno, e simili. Questi appelli mettono in luce il vuoto di idee su come far fronte al problema. Armi ed esplosivi risuoneranno presto. Non le fermano intenzioni e sentimenti deamicisiani. Servono invece decisioni concrete ed immediate. Trattati e leggi vanno aggiornati ai metodi del terrorismo.

Ci sentiremmo pertanto più sicuri e rincuorati se il governo si riunisse d’emergenza per discutere e decidere se è il caso di chiudere le frontiere, se respingere i foreign fighters quando rientrano, se ridurre la presenza di extracomunitari in Italia, se rimpatriare chi ha il permesso di soggiorno scaduto e chi delinque, se e come selezionare i lavoratori in entrata, se chiudere i siti web di indottrinamento, se tracciare ed espellere i contatti, se consentire le intercettazioni telefoniche per attività di terrorismo.

Ci sentiremmo più sicuri e motivati se l’esecutivo o il legislatore pianificassero una volta per tutte percorsi di integrazione reali per ogni singolo lavoratore straniero, per profughi e richiedenti asilo, in modo che ogni migrante si senta cittadino a tutti gli effetti di questo paese, ne diventi parte integrante per mezzo del suo lavoro, della conoscenza della storia e della cultura. Abbia la possibilità di avere relazioni e scambi con la popolazione residente, partecipi alla vita comunitaria, sia rispettoso del popolo che li ospita (e viceversa), si consideri, come ha proposto il giornalista Gramellini, fratello degli abitanti del nostro paese, cioè ‘fratello d’Italia’.

______________________________

154° Unità d’Italia, 15 novembre 2015, Beretta Roberto Claudio

_____________________________________________________

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>