E lucevan le stelle

(Giacomo Puccini, Tosca, Atto III)

In attesa della sua esecuzione Cavaradossi ha un’ultima grazia da chiedere: scrivere una lettera di addio a Tosca, sua amante. I suoi pensieri indugiano nei segreti incontri notturni, sotto gli occhi lucenti e discreti delle stelle, nell’orto dove i profumi ed i suoni della natura si confondono con la fragranza ed il desiderio dell’amata. Nel momento in cui egli sta per perdere il massimo suo bene (Tosca), è all’apice la sua ardente aspirazione di vita.

Tosca, Atto III, scena seconda, Cavaradossi (Marcelo Alvarez), Opera National de Paris, 2014

E lucevan le stelle

e olezzava la terra,

stridea l’uscio dell’orto

e un passo sfiorava la rena.

Entrava ella, fragrante,

mi cadea fra le braccia.

Oh! dolci baci, o languide carezze,

mentr’io fremente

le belle forme disciogliea dai veli!

Svanì per sempre il sogno mio d’amore…

l’ora è fuggita,

e muoio disperato!

E non ho amato mai tanto la vita!

___________________________

153° Unità d’Italia, 7 febbraio 2015, Beretta Roberto Claudio

_______________________________________

    :roll: SABATO ALL’OPERA

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>