La rivolta dei forconi

Il decreto liberalizzazioni di Monti deve avere toccato molti interessi particolari, se è riuscito a scatenare l’ira di numerose categorie scese sul piede di guerra. Tassisti, farmacisti, pescatori, benzinai, avvocati, notai, camionisti, evasori e chissà quanti altri ancora. In questi giorni le proteste hanno spesso superato i limiti della normale dialettica, del vivere civile, e qualche volta della legalità. In particolare i blocchi di alcuni autotrasportatori si sono caratterizzati per l’aggressività e le intimidazioni, ci sono stati feriti ed un morto. E hanno ┬ácausato danni incalcolabili all’economia, alla società, al paese.┬á

Si apprende di una stima di decine di milioni di euro al giorno per il settore agroalimentare nei quattro giorni di blocco delle strade. Tonnellate di generi alimentari deperibili quali latte, frutta, verdura non sono stati consegnati ai mercati e saranno forse da buttare. Scorte dei supermercati in esaurimento ed alcune merci sparite dagli scaffali. Pompe di benzina all’asciutto. Fabbriche chiuse per mancanza di materie prime e componenti. Aumenti pazzeschi dei prezzi al consumo per prodotti alimentari e carburanti grazie ai soliti approfittatori. E così a pagare sono stati ancora i cittadini singoli, compresi ovviamente gli ignari scioperanti.

┬áDetto questo, non mancano certamente alla protesta le buone ragioni, ad esempio┬á autotrasportatori e pescatori hanno visto salire il prezzo del gasolio del 30-40% rispetto all’estate ed agricoltori ed allevatori vendono a prezzi che sono irrisori e rappresentano un’autentica beffa, rispetto a quelli praticati per lo stesso prodotto dai negozi e dai supermercati. E’ stato impressionante vedere ed ascoltare in una trasmissione televisiva un allevatore che mostrava una bottiglia d’acqua ed una di latte tendendole verso il pubblico con le due mani: il latte viene venduto al supermercato ad un prezzo al litro paragonabile a quello dell’acqua, e in qualche caso, ad esempio al bar o per alcune marche molto pubblicizzate , l’acqua costa addirittura di più!

┬áBisogna intervenire urgentemente in favore degli agricoltori e degli allevatori con misure di sostegno, agevolazioni fiscali, promozione di cooperative, riduzione della filiera produttore- consumatore, sviluppo del commercio locale, vendita diretta, controllo della grande distribuzione, occorre favorire il ripopolamento delle campagne e l’agricoltura, incoraggiare i consumatori a comprare prodotti italiani anche attraverso campagne pubblicitarie sulla televisione pubblica e l’obbligo di indicare il luogo di produzione sull’etichetta. Ed anche per gli autotrasportatori, nell’immediato occorrono agevolazioni sui pedaggi autostradali, monitoraggio della dinamica dei prezzi dei carburanti, completamento delle liberalizzazioni nel settore distributivo con l’eliminazione del vincolo di rifornimento da una sola compagnia, riduzione delle imposte sui carburanti, controllo del rispetto delle norme di legge al fine di evitare turbative nella concorrenza . A medio e lungo termine tuttavia è per├▓ necessario liberalizzare il settore del la circolazione delle merci introducendo alternative al trasporto su gomma, per evitare che l’Italia sia messa in ginocchio dalla protesta di una categoria che non guarda in faccia nessuno quando si tratta di difendere interessi particolari. Costruire e potenziare i porti per favorire i trasporti via mare, investire sulle ferrovie e costruire interporti di scambio per far muovere sulle lunghe distanze i container sui treni, consentirebbe di realizzare un risparmio energetico considerevole, di decongestionare e rendere più sicure le autostrade, di contenere l’inquinamento atmosferico ed acustico, di creare occupazione, indotto e nuovi posti di lavoro.

┬áCi├▓ che va condannata è la violenza della protesta. Abbiamo visto troppa rabbia. Abbiamo visto aggressioni ed intimidazioni. L’illegalità non pu├▓ essere tollerata in alcun modo e, concesso un po’ di buon senso per capire le ragioni e per trovare insieme i rimedi, deve essere punita con esemplarità e rapidità. La protesta non deve perdere di vista gli obiettivi specifici e deve esser contenuta entro i limiti di un civile confronto.

┬áSi è avuto infine, in molti casi, l’impressione di una rabbia miope e violenta, quanto sterile e pericolosa, pur non priva di rivendicazioni ed in qualche caso di proposte concrete come abbiamo visto, ma in ogni caso una rabbia che allontana dalla consapevolezza e dalla ricerca di una via comune, nell’interesse del paese, che è poi di riflesso quello dell’individuo singolo e della sua famiglia e della sua categoria professionale. Tanto da far pensare anche a strumentalizzazioni della protesta e degli ingenui protestanti, da parte di gruppi politici e non, con l’obbiettivo di guadagnare rendite di posizione, nella logica del tanto peggio tanto meglio. Come interpretare per esempio la lega sulle barricate a fianco dei tassisti, oppure il siciliano “movimento dei forconi”, ┬áche sforna comunicati in stampatello maiuscolo, con proclami populistici inneggianti alla “rivoluzione in Sicilia” ed alla “rivolta nazionale” , nonché alla punizione violenta dei politici “nepotisti e ladroni”, “che rubano a doppie mani”, che sono “corrotti e mafiosi”. Ma questi politici, non li hanno eletti loro, e come loro rappresentanti? E con la rivoluzione, diminuirà il prezzo del gasolio?

____________________

151° Unità d’Italia, Modena, 28 gennaio 2012, Beretta Roberto

_____________________________________________

 < parlare di politica in famiglia migliora il rendimento scolastico <  

> la responsabilità dei magistrati >

┬átutti gli articoli di attualità┬á

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>