Italicum, un uomo solo al comando

La nuova legge elettorale è stata approvata ieri sera (334 favorevoli su 630 deputati, pochini). Secondo i suoi impositori garantirà stabilità di governo e decisioni rapide, al passo con i tempi. Il parto non è stato indolore. Fiducia sulle pregiudiziali di costituzionalità, Aventino delle opposizioni, voti contrari dalla stessa maggioranza. L’approvazione dell’Italicum è stata resa possibile unicamente grazie alla maggioranza dei seggi regalata dalla precedente legge (giudicata incostituzionale). L’Italicum è dunque figlio del Porcellum. E come il padre configura un Parlamento subordinato il cui compito è quello di ratificare la politica dell’esecutivo. Se aggiungiamo che una buona fetta dei parlamentari sarà ancora nominata dai partiti e che i partiti maggiori dipendono di fatto da un leader, si capisce bene che in futuro avremo una minoranza di deputati che conta come il due di picche, una maggioranza bulgara, e un uomo solo al comando. # lavoltabuona, anzi, ‘lasecondavoltabuona. La prima risale ai tempi della legge Acerbo. Era il 1923.

_______________________

154° Unità d’Italia, 5 maggio 2015, Beretta Roberto Claudio

_________________________________________________

attualità

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>