Frontex plus

Un ministro dell’interno raggiante ha dato ieri l’annuncio della nascita di Frontex Plus. Non si tratta del nome di una supposta ma poco ci manca. Sostituirà Mare Nostrum (ex). Frontex Plus è in prima battuta ┬ál’ammissione da parte del governo italiano dell’incapacità dell’Italia di sorvegliare le sue frontiere. ┬áIn secondo luogo è la prima dichiarazione in ordine di tempo della rinuncia italiana ad una parte notevole ed essenziale della sovranità di uno Stato: la giurisdizione sulle proprie frontiere. Poichè non ce la facciamo da soli a controllare il Canale di Sicilia, chiediamo aiuto all’Europa consegnandole il Mediterraneo (mare nostrum appunto) spacciandolo per frontiera meridionale dell’Europa stessa (non a caso Alfano ha dichiarato che l’Europa “si rimpossessa del controllo della sua frontiera”, si tratta proprio di un caso di disconoscimento). Con grande sollievo ci siamo liberati di un nostro diritto dovere, diventato tuttavia troppo oneroso per le nostre tasche e il nostro orgoglio nazionale.

:roll:┬áVeniamo quindi agli appelli. Poiché Frontex non ha soldi per il pattugliamento e Mare Nostrum non ne ha più, e zero più zero fa sempre zero, il risultato della somma cioè Frontex Plus non ha soldi, così che la nuova operazione lanciata ieri consiste e si limita a generici ed imbarazzanti appelli alla solidarietà dei paesi europei affinché aprano i cordoni delle borse vuote.

Secondo le speranze espresse dai protagonisti dell’accordo, Frontex Plus sarà operativo da novembre (il che significa dall’anno prossimo visto che d’inverno gli sbarchi diminuiscono motu proprio a causa delle cattive┬á condizioni del mare). Si comincia quindi bene con un bel rinvio di un anno.

Con queste politiche degli annunci delle rinunce degli appelli e dei rinvii, l’unica cosa certa e che gli sbarchi continueranno. Grazie anche a queste politiche inconcludenti, continuerà l’emergenza umanitaria. I profughi continueranno a morire per sfuggire a guerre oppressioni e miseria. Il governo non osa o non è in grado di dire cosa faranno i profughi una volta fuggiti dai centri di accoglienza, perché questa è la fisiologica conclusione della loro odissea, ma ipocritamente tace. Si nasconde dietro la foglia di fico delle ragioni umanitarie. Ma colpevolmente non fa sapere se è stato previsto dove e come integrarli questi uomini e donne bisognosi, quali le strutture di accoglienza, quali gli impieghi lavorativi nel nostro paese, quali gli alloggi, quali i costi, quante risorse servono e dove prendere i soldi. Cosa pensa di fare per contrastare le guerre e la povertà nel sud del mondo.

Frontex Plus non manca di note ilari. E’ stata strombazzata la maggior determinazione nella lotta gli sbarchi. Questa determinazione si concretizzerebbe nella più ferma intenzione di distruggere i natanti sequestrati, le barche della morte, in modo che non possano essere più riutilizzate dai trafficanti di uomini. Fatto osservare che per demolire le barche, differenziare e portare i materiali alle discariche, pagare gli operai, ci vogliono dei soldi che abbiamo visto al momento non ci sono e potrebbero non esserci in futuro, considerato poi ┬áche gli scafisti potrebbero avere una ÔÇÿflotta’ numerosa e non si fermerebbero certo davanti a qualche sporadico affondamento o sequestro del mezzo, tenuto conto infine che buona parte sono delle carrette, e molte di queste affondano da sole per il sovraccarico senza bisogno di aiutini, ci si chiede ÔǪ santo cielo, ma chi è quel furbacchione che finora si è preso la briga di restituire gommoni e pescherecci sopravvissuti┬á al mittente ?┬á

_____________________________

153° Unità d’Italia, 28 agosto 2014, Beretta Roberto Claudio

_____________________________________________

attualità

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>