Il consumo di suolo

Ogni giorno cento ettari di terreno sono fagocitati dal cemento, circa cinque milioni di ettari negli ultimi quaranta anni. Le aree coltivate sono state ridotte da diciotto a tredici milioni di ettari. Per far posto ad insediamenti abitativi, manufatti prduttivi per l’industria e l’artigianato, infrastrutture, seconde case, strutture turistiche e del divertimento, il patrimonio paesaggistico ed artistico è stato compromesso, l’equilibrio idrogeologico stravolto, modificato il clima, la flora e la fauna minacciate, l’agricoltura abbandonata, le identità culturali cancellate, la qualità della vita e delle relazioni sociali impoverita. L’Italia non è più autosufficiente sul piano alimentare.
Per 👿 creare benessere è stato distrutto l’ambiente che ci sostenta.
Continuando di questo passo il consumo di suolo, sempre più degradato sarà il nostro paese e di conseguenza più difficile e meno felice la nostra esistenza. Occorre ripensare – o rifondare su nuovi valori – il modello di sviluppo. Recentemente anche il governo si è reso conto che il consumo del suolo, è diventata una priorità da affrontare e contrastare. Secondo Monti infatti “la cementificazione sta assumendo in Italia dimensioni preoccupanti […] la perdita di superficie agricola impedisce al paese di fronteggiare il fabbisogno alimentare nazionale e aumenta la dipendenza dall’estero”. Il disegno di legge approvato la settimana scorsa in Consiglio dei Ministri prevede fra l’altro un tetto massimo nazionale alla superficie agricola edificabile, il divieto di mutamento di destinazione d’uso dei terreni agricoli, misure di incentivazione per chi realizza edifici nei nuclei abitativi rurali, l’abrogazione della norma che permette ai comuni di fare cassa con gli oneri di urbanizzazione. Aggiungo che le misure di contrasto del consumo di suolo dovrebbero inoltre considerare anche le aree non coltivabili, incentivare il recupero dell’esistente, riqualificare il tessuto urbano, valorizzare il patrimonio artistico e paesaggistico come fonte di guadagno alternativa alla cementificazione, favorire il ritorno alla coltura dei campi con incentivi e defiscalizzazioni, vietare il fotovoltaico a terra sui terreni coltivabili, penalizzare gli interventi sui suoli liberi, promuovere fra i cittadini il rispetto e l’amore per l’ambiente. Il governo ha mossi i primi passi, ma ha poco tempo per procedere e completare l’opera di opposizione al consumo di suolo. Perchè non resti una pia intenzione c’è bisogno della mobilitazione di noi cittadini. Chi ha delle idee e vuole impegnarsi mi scriva.

_________________

151° Unità d’Italia, Modena 22 settembre 2012, Beretta Roberto

__________________________________________________________

< de indennità parlamentari <  > il caso Sallusti >

tutti gli altri articoli di attualità

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>