Consumismo o parsimonia

CONSUMISMO O PARSIMONIA

Beretta Silvia, scuola media Paoli, Modena

Anche se è difficile ammetterlo, tutti sappiamo che la nostra vita è piena di molte, anzi troppe comodità. Il nostro problema è che più cose abbiamo, più ne desideriamo; il risultato ? una società che compra molti oggetti che non sono necessari alla sopravvivenza. Io penso che bisogna cambiare il nostro stile di vita riducendo i consumi e risparmiando le materie prime.

L’ acqua è un bene indispensabile per la vita e anche se molte persone dicono che è inesauribile, sono sicura che nei prossimi anni ce ne sarà sempre di meno: a causa dell’ inquinamento, dell’ aumento della popolazione mondiale, della desertificazione provocata dal riscaldamento del pianeta.

Ciascuno di noi può fare con attenzione qualche piccolo sacrificio, per esempio, quando ci laviamo, non sarebbe un peccato rinunciare a una bella vasca di acqua fumante, e magari all’ idromassaggio, per fare invece una semplice doccia, che è altrettando piacevole: si calcola che per un bagno in vasca si consumano fino a centosessanta litri d’ acqua ! E’ un grande spreco se paragonato agli ottanta litri circa per una doccia: la metà.

Dobbiamo limitare l’ uso di petrolio e carbone. Ad esempio, sappiamo che la plastica è un derivato del petrolio. La crediamo indispensabile ed insostituibile, ma non è così. Proviamo a pensare alle bottiglie di plastica, quelle “usa e getta”, tanto utili al modello consumista: si possono con un piccolo sacrificio preferire quelle di vetro, che è un materiale riciclabile, o meglio ancora i contenitori di cartone per i succhi di frutta o il latte e, se le bottiglie di plastica sono per l’ acqua, si può bere quella del rubinetto ! E’ comodissimo, non occorre fare nessuno sforzo e non c’ è neanche bisogno di andare al supermercato con la macchina. Se immaginiamo ciascuno italiano senza due o tre bottiglie di plastica al giorno, avremmo due effetti benefici: risparmieremmo centinaia di migliaia di tonnellate di plastica all’anno ed importeremmo meno petrolio con maggiore disponibilità di questa materia prima nel futuro.

Bisogna sviluppare ed utilizzare energie alternative, rinnovabili, che non deturpano l’ ambiente, quali l’ energia geotermica, eolica, solare. Non è forse meglio un piccolo pannello sul tetto che non dà nessun fastidio, piuttosto che una gigantesca centrale nucleare di fianco a casa nostra ?

L’ energia nucleare porta grandissimi vantaggi ma, dopo ciò che è accaduto in Giappone, sempre più persone si oppongono alla loro costruzione, per il pericolo di incidenti, e perchè non si sa bene dove mettere le scorie, ed infine la loro costruzione impiegherebbe moltissimi anni.

Devo però dire che se il nucleare ci fa tanta paura, incomprensibilmente dimentichiamo che ogni anno ci sono in Italia più morti e feriti sulla strada (circa 6.000 morti e 300.000 feriti) di quanti ne abbia fatto l’ incidente alla centrale nucleare di Cernobyl, il più grave che sia finora mai accaduto in tutto il mondo.

A proposito di strade, perchè non cominciamo ad andare a piedi, o in bicicletta, o con i mezzi pubblici, quando è possibile, lasciando la macchina in garage ? Consumeremmo meno petrolio, l’aria che respiriamo sarebbe più pulita, come pure l’ ambiente in cui viviamo, potremmo incontrare tante persone, conoscerle meglio, diventare amici, avremmo città e paesi a misura d’ uomo.

Spero che i piccoli consigli che ho ricordato, siano utili almeno in parte per contrastare il consumismo e salvare il nostro pianeta. Ricordiamoci che accorgersene fra qualche anno sarà forse troppo tardi. Serve un po’ di buona volontà e qualche piccolo sacrificio per un presente ed un futuro migliore.

Modena, 1 Maggio 2011, Silvia Beretta

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>