Il ladro e le scarpe

Questa mattina una spiacevole sorpresa attende il papi sulla soglia di casa. Dalla scarpiera sul ballatoio le nuove comodissime scarpe da ginnastica, dalla candida livrea, sono sparite. Come suo costume, aveva aspettato fino all’ultimo per comprarne delle nuove e, nel cuore dell’inverno, aveva trovato un occasione al supermercato.  Le calde giornate di primavera hanno visto il battesimo, ma solo. Ebbene ragazzi, rubare è un’azione vile, anche quando la necessità sembra imporla come gesto di sopravvivenza. Bisogna nascondersi ed ingannare.
Prima di tutto se stessi, per negare la legge che è stata scritta nella coscienza, ma forse in qualche caso è mancato il maestro, o l’inchiostro o la penna. E poi rubare è fare violenza. tennis shoesOgni oggetto che possediamo racconta una storia della nostra vita, piccola o grande, dolorosa o felice, ne rappresenta l’immagine concreta e tangibile. L’oggetto è perciò un prolungamento del nostro soma e del nostro io. Rubare quell’oggetto vuol dire invadere lo spazio ed impossessarsi di un frammento di un’altra persona, appropriarsi di una sua parte, allargare il proprio dominio su di lui, entrare nella sua sfera privata, violentare. Rubare è perfettamente inutile. Chissà che effetto fa a camminare con le scarpe di un altro. Andare a spasso con una parte non tua, estranea. Con indosso le storie di altri. Il ladro, come persona, è pertanto un nulla. Se non la disordinata sommatoria di elementi estranei, un mosaico di tessere ignote prese a casaccio qua e là. Per questo motivo rubare è molto pericoloso. Perché la storia che parla ogni specifico oggetto è il racconto delle circostanze del furto. Nascondimenti, inganni, viltà, furfanteria,tenebre. Ricordano continuamente alla tua coscienza che sei un uomo malvagio. Mi sorprende però che non deve essere poi tanto difficile rubare. Chi non è stato vittima almeno di un furtarello? Una bicicletta, un paio di scarpe, degli orecchini, il televisore, il telefonino. Siamo in un mondo di ladri. E’ lecito sperare in una società senza ladri? Senza porte blindate, chiavistelli, serrature, catene, antifurti, serrande, inferriate? Penso proprio di no. Il nostro ladro però ha commesso un errore, si è preso le scarpe nuove, all’apparenza più belle. Ha lasciato invece quelle vecchie nere sgualcite, ignorate laggiù, in un angolo. Il nostro ladro infatti non ha rubato per necessità. Non vedo gente scalza in giro per le strade. Il papi guarda il paio di vecchie scarpe nere da ginnastica, che gli fanno venire in mente tante avventure. Di quando per esempio si erano intrise di grigia creta perché le ruote sprofondavano nel pantano dopo le lunghe piogge primaverili ed era dovuto scendere nel fango e spingere a mano la bici, o di quando erano tornate fradice sotto l’acquazzone, o quella volta che i lacci così lunghi si erano impigliati nella catena e si stava per ruzzolare tutti a terra, e … . Una strizzatina d’occhio e la rabbia si scioglie in un sorriso. Andiamo, amiche scarpe. I ricordi non si possono rubare.

________________________________

151° Unità d’Italia, Modena, 28 marzo 2012, Beretta Roberto

______________________________________________

< primavera < > “Topolino” >

 :roll:  CUORE 150°

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>