Il campetto dell’oratorio

3. Il campo da calcio, terroso e compatto, degrada in leggera e costante discesa, per terminare sul lato della porta sud-occidentale, addossata al cinema ed alla soprastante cappella dell’oratorio, e da questa separata per mezzo di uno stretto e basso marciapiede in cemento. Questa zona del campo, non potendo l’acqua defluire altrimenti, si allaga ad ogni acquazzone estivo, il quale forma in pochi minuti un vasto placido laghetto occupante una buona metà del campo, ed impone l’immediata rinuncia alla partita programmata o condanna, nel migliore dei casi, quando piove nei giorni precedenti, calciatori dirigenti e pubblico ad una ansiosa vigilia di attesa. :roll: Col bel tempo, il campetto, per le corse e i contrasti fra i calciatori, sbuffa nuvolette di polvere marrone che si espandono lentamente come nebulose interstellari┬áe in cui scompaiono inghiottiti i protagonisti della partita. Per tale ragione è sempre buona cosa ÔÇÿbagnare il campo’ prima della tenzone, e massime d’estate. Questa operazione si fa schiacciando fra indice e pollice l’estremità libera di una lunga canna di gomma, trascinata per ogni palmo del campo ad innaffiare a ventaglio l’arido suolo. Procedura delicata e principio di infinito divertimento, riservata pertanto ai più grandi, invariabile fonte di scherzi vendette e baruffe. Solo la tenace zizzania riesce, ma a fatica, a sopravvivere in chiazze ramificate grigioverdi su questo capriccioso quadrato in un angolo, quello settentrionale, dove il terreno è più duro e compatto, sommitale, sgradito┬áall’acqua. Un altro grande svantaggio del campetto è che esso risulta protetto dalle reti, ragnatele tese sui muri di cinta, solo su una porzione del lato che fiancheggia la via Sabotino, e dietro la porta distale, così che il pallone, calciato┬ámaldestramente troppo in alto, scavalca volentieri il muro e si perde nei prati vicini. Quello dietro la porta è il prato preferito dai giocatori.

3. continua, Crippa raddoppia

______________________

152° Unità d’Italia,┬á24 aprile 2013, Beretta Roberto Claudio

________________________________________________

il campetto dell’oratorio

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>