Raccomandati

┬á Altra brutta giornata al parlamento (con la p minuscola). Fiducia alla Cancellieri. Per il pdl è stato conveniente assolverla per sostenere l’analogia con la vicenda del rilascio di Ruby (si possono fare due pesi e due misure? ), Letta ha agganciato la sopravvivenza del governo al salvataggio del ministro (facendoci venire il sospetto che abbia ricevuto pressioni da qualcuno molto influente che la sostiene), il pd dopo aver predicato per giorni che il ministro si doveva dimettere, si è sacrificato alla ragion di stato o alla disciplina di partito (questo partito spesso annuncia una cosa poi ne fa un’altra). La Cancellieri si è difesa dicendo che non ha mentito. Ci crediamo. Non ha commesso nemmeno reati. E’ vero. In fondo, ha solo fatto una raccomandazione per gli amici. Se un ministro della Repubblica non avverte minimamente che questo suo comportamento non si addice a chi deve dare il buon esempio agli italiani, resti pure ottimamente al suo posto. La nostra fiducia nelle istituzioni intanto scende un altro gradino.

_____________________________________________

152° Unità d’Italia, 21 novembre 2013, Beretta Roberto Claudio

__________________________________

satira

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>