Viva gli Alpini, Viva l’Italia

> guarda il video  :roll:

Piacenza è stata invasa pacificamente da quattrocentomila alpini, il quadruplo dei suoi abitanti. Il centro occupato dalla gente, allegria, cori, bande, sfilate, entusiasmo, bicchierate, tavoli, trabiccoli, tende. Cappelli d’alpino, penne nere, labari, stendardi, bandiere. Gente semplice gli alpini, gente del popolo, alla mano, pieni d’allegria, amanti delle donne, delle fanfare, dei canti, dei cori, e specialmente della tavola, del vino e della grappa! 😉 Leali, lavoratori, ospitali, generosi, con un cuore grande. Uno straniero portatore di handicap aveva una carrozzina tutta rotta e che non si poteva più riparare. Nessun problema ! Un alpino l’ha notato, al termine del pranzo ha raccontato il caso agli amici ed agli ospiti ┬áseduti alle tavolate, e con tutta naturalezza e semplicità e senza fare domande come per esempio chiedere chi fosse o da dove veniva, tutti i presenti hanno messo il piccolo contributo richiesto, e così in pochi minuti sono saltati fuori i soldi per comprare una carrozzina nuova. Negozianti, commercianti, vù cumprà, albergatori, ristoratori, esercenti, tutti entusiasti e sorridenti per l’incasso in questi tempi di magra. I musei sono stati presi d’assalto, c’è stato un boom delle visite. All’ex-ospedale militare le sale ed i portici erano a tal punto gremite che bisognava fare la coda davanti ai pannelli, alle teche, agli oggetti in esposizione. Patriottici gli alpini, uniti in un solo corpo, orgogliosi nella sfilata, anzi venuti qui da ogni parte d’Italia solo per essere ÔÇÿnella’ sfilata, per dire ÔÇÿio ci sono, guardatemi, sono testimone della mia fede’ . Esempio di lealtà, di fedeltà ad un corpo sociale superiore ed unificatore. ┬áEsempio per tutti gli italiani. Non ho mai visto tante bandiere tricolori, 20.000 (ventimila), distribuite su ogni casa, ogni palazzo, ogni davanzale, ogni lampione. Una città colorata con i tre colori. Per rendersi conto di cosa significa ventimila bandiere in una città di centomila abitanti, bisogna pensare che per l’imbandieramento avevano lavorato un mese intero 50 (cinquanta) volontari divisi in otto squadre. Il presidente provinciale degli alpini piacentini ha manifestato l’intenzione di lasciarle almeno fino al 2 giugno, festa della Repubblica.

Ora io vi chiedo, non si potrebbe moltiplicare per cinquanta le adunate degli alpini, una per ogni fine settimana, in tutte le città italiane, a rotazione ?

_____________________________________

152° Unità d’Italia, 19 maggio 2013, Beretta Roberto Claudio

________________________________________________

attualità

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>