Il lupo di Gubbio

Ringrazio i bambini della quarta B delle scuole elementari De Amicis di Modena, ed i loro insegnanti, per avermi fatto pervenire questi bellissimi disegni che pubblico ad ornamento ed omaggio a San Francesco d’Assisi patrono d’Italia,┬ábandiera della┬ápace ed italiano, ┬áin occasione della sua festa (4 ottobre). I disegni sono ispirati a due celeberrimi episodi dei “Fioretti di San Francesco”, il miracolo del lupo di Gubbio (XXI) e la predica agli uccelli (XVI). Essi ci ricordano la bontà, l’innocenza, e la mansuetudine di San Francesco, capace di parlare a tutte le creature, come sanno fare solo i più piccoli. Oggi la prima tranche, soggetti fratello lupo e sorella povertà, la seconda giovedì prossimo 13 ottobre con la predica agli uccelli e Francesco restauratore della Chiesa.

(Come santo Francesco liber├▓ la città di Agobbio da uno fiero lupo; I fioretti di San Francesco; XXI; parafrasi r.b.) Nel tempo che San Francesco dimorava nella città di Gubbio, nel contado apparve un lupo grandissimo e terribile e feroce, il quale non solamente divorava gli animali, ma gli stessi uomini. I cittadini di Gubbio ne avevano una grande paura, giacchè il┬á lupo si avvicinava spesso alla città. Quando uscivano dall’abitato, tutti andavano armati, come se andassero a combattere, e nonostante questa precauzione, chi si imbatteva da solo nel lupo, non se la poteva cavare. E per paura del lupo, a tal ┬ápunto giunsero che nessuno osava più uscire dalla città. Ma Francesco, provando compassione per gli abitanti della città, volle incontrare il lupo, nonostante tutti i cittadini lo sconsigliassero vivamente. Così, fattosi il segno della croce, uscì dalla citta con i suoi fratelli, ponendo tutta la sua fiducia in Dio. E vedendo che i suoi compagni stavano morendo dalla paura, Francesco si incammin├▓ da solo verso il luogo dove stava la fiera. Quand’ecco il lupo, sotto gli occhi di molti cittadini che erano venuti a vedere il miracolo, corre incontro a Francesco, le fauci spalancate, e si avvicina sempre più. San Francesco si fa il segno della croce e lo chiama a sé dicendo: – Vieni vicino, fratello lupo, io ti ordino nel nome di Cristo, di non fare del male né a me né ad alcuna persona. Cosa mirabile, non appena san Francesco ebbe fatto il segno della┬á croce, il terribile lupo chiuse la bocca e ristette. E divent├▓ mansueto come un agnello e si gett├▓ a giacere ai piedi di Francesco. Allora Francesco così gli parl├▓: – Fratello lupo, tu fai molti danni in queste terre, e cose malvagie, ed aggredisci ed uccidi le creature di Dio contro la Sua volontà. E non solo hai ucciso e divorato le bestie, ma hai osato uccidere e straziare gli uomini, fatti a somiglianza di Dio, e per questo motivo ti meriti di essere messo sulla forca come ladro ed il peggiore degli omicidi, e la gente mormora di te e ti offende e ti è nemica. Ma io desidero, fratello lupo, mettere pace fra te e questa gente, così che tu non li offenda più, ed essa per parte sua ti perdonerà ogni offesa passata, e né gli uomini né i cani più ti perseguiteranno. Pronunciate Francesco queste parole, il lupo, agitando il corpo e scodinzolando ed abbassando le orecchie, e chinando il capo, mostrava di accettare ci├▓ che san Francesco diceva e di volerlo osservare. Allora San Francesco disse: – Fratello lupo, poiché┬á accetti di far pace e conservarti pacifico, io ti prometto che ti far├▓ nutrire ed allevare dagli uomini di questa città, finchè vivrai, in modo che non patirai più la fame, perché so che tu hai fatto tutto questo spinto dalla fame. Ma poiché io otterr├▓ da loro per te questa grazia, io voglio, fratello lupo, che tu mi prometta che mai più nuocerai ad alcun uomo né animale. Me lo prometti ? – Ed il lupo, chinando il capo, fece segno evidente che accettava. E San Francesco: – Fratello lupo,┬á io voglio che tu mi dia la tua parola per questa promessa, in modo che mi possa fidare di te. ÔÇô Francesco stese la mano al lupo per ricevere il giuramento, ed il lupo sollev├▓ la zampa e la pose sulla mano di San Francesco, dando il segno del giuramento. Allora disse Francesco: – Fratello lupo, io ti comando nel nome di Gesù Cristo, che tu venga con me senza temere nulla, a firmare questa pace con la città nel nome di Dio -. Ed il lupo, ubbidiente, and├▓ con lui, come un agnello mansueto.

 

fare click sui disegni per ingrandirne l’immagine

________________________________________

Ai più grandi

Per Francesco non vi sono differenze fra uomini e animali, ed anche il mondo inanimato è in verità pulsante e vivente. Tutti gli esseri viventi sono figli del Creatore. Fratelli e sorelle. Che parlano una lingua universale. Che Francesco, creatura di Dio, sa naturalmente comprendere e parlare. Il nostro stupore non deve consistere tanto nel fatto che egli parli agli uccelli o comandi alle rondini o renda il lupo mansueto come un┬á agnello, quanto nel non saper fare noi stessi quelle cose, essendo anche noi stessi Sue creature. ┬áIl lupo di Gubbio non è naturalmente un lupo nel senso zoologico del termine, è, o fu, un lupo con numerosi tratti in comune con il┬á genere umano, e quindi un uomo, o un comportamento di uomini cattivi, e l’episodio descritto nei “Fioretti” è dunque metafora del malvagio che, chiamato a riflettere sul proprio agire dai buoni insegnamenti dell’uomo santo, in questo caso Francesco d’Assisi, libera finalmente i propri sentimenti, si ferma a riflettere sui comportamenti fin qui seguiti, prende coscienza del male causato, comprende di aver agito contro i suoi simili ed al di fuori della legge, ne prova vergogna, dà atto di pentimento, di sottomissione, accetta di cessare le offese, dà giuramento di cambiare vita, e viene accolto nel consesso degli uomini, che per├▓ si accolla il suo mantenimento, poiché il movente che ha spinto il lupo a predare fu l’incoercibile istinto della fame. L’episodio vuole dipingere e stigmatizzare il┬á coraggio di San Francesco, capace di affrontare, armato solo della disarmata fiducia in Dio il martirio, per ricondurre il malvagio sulla retta via. Il miracolo di Gubbio è dunque il miracolo della conversione del lupo trasformato in agnello. Animato dalla bontà e dalla fratellanza universale, capace di parlare a tutti, comprensivo delle ragioni altrui, capace di perdonare e di accogliere il diverso, e tuttavia determinato ed autorevole nell’imporre la sua regola di vita, fiducioso di sé stesso, coraggioso ambasciatore, non privo di una certa abile diplomazia nel realismo che dimostra nel promettere un vitalizio in cambio della conversione, San Francesco è uomo di pace fra le genti. Egli non vuole la punizione del lupo, ma la sconfitta del male. (r.b.)

________________________

Modena, 6 Ottobre 2011

Beretta Roberto

________

CONTINUA

GIOVEDI’ PROSSIMO 13 OTTOBRE

_______________________________

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>