Impariamo l’Inno d’Italia

Il Senato della Repubblica Italiana ha definitivamente approvato la legge istitutiva della Giornata Nazionale dell’Unità d’Italia, della Costituzione, dell’Inno Nazionale e della Bandiera. Si celebrerà il 17 marzo di ogni anno, data della proclamazione nel 1861 a Torino dell’Unità d’Italia. La legge dispone che a partire dal prossimo anno scolastico saranno organizzati “percorsi didattici, iniziative e incontri celebrativi finalizzati ad informare e a suscitare riflessione sugli eventi e sul significato del risorgimento nonché sulle vicende che hanno condotto all’unità nazionale, alla scelta dell’inno di Mameli, alla bandiera nazionale e all’approvazione della Costituzione, anche alla luce dell’evoluzione della storia europea”. Lo :roll: scopo della legge è quello di “ricordare e promuovere i valori di cittadinanza, fondamento di una positiva convivenza civile, nonché di riaffermare e consolidare l’identità nazionale attraverso il ricordo e la memoria civica”.

Accogliamo con gioia la legge perchè riconosce e realizza nel quotidiano alcuni dei principi ispiratori del sito. La creazione dell’identità nazionale e la promozione dei valori civili attraverso il racconto degli italiani che hanno lottato per fare l’Italia o si sono distinti per virtù esemplari, e la chiamata e la disponibilità individuale al servizio dello Stato. Umilmente e con forze infime vogliamo diffondere e costruire un sentimento unitario di comunità nazionale, anche con la riflessione sull’epopea risorgimentale e la Costituzione. Lo slogan del sito che fa bella mostra in fondo alla pagina è FARE l’ITALIA. Significa anteporre lo Stato agli italiani. I disposti della nuova legge sono già da tempo radicati ed attuati sul sito. I cittadini ancora una volta hanno preceduto i loro rappresentanti. E stupefacente sapere che ci sono voluti più di sessant’anni perché gli italiani fossero messi in condizione di conoscere e cantare l’inno nazionale, diritto e dovere elementare, semplicemente insegnandolo a tutti nelle scuole, o per parlare della Costituzione, o infine attendere poco più di 150 anni per istituire una festa che celebrasse la fondazione dell’Italia. Sulle ali dell’entusiasmo patriottico il Senato a maggioranza bulgara non si è infatti fermato al semplice atto del cantare l’inno. A partire dal prossimo anno scolastico. Qui c’ è stato un rigurgito di inerzia. I nostri parlamentari infatti sono abituati a fare leggi retroattive, e dato che in questo caso non si possono fare celebrazioni degli anni passati, perché non applicare la legge almeno dal presente? Si evitava di discriminare gli studenti che usciranno quest’anno dalla scuola. Centinaia di migliaia di ragazzi che continueranno ad ignorare per tutta la vita la Costituzione, l’inno, la bandiera, gli eventi che hanno determinato la nascita dell’Italia. Non resta loro che leggere assiduamente www.cittadiniditalia.it.

__________________________________

151° Unità d’Italia, Modena 17 novembre 2012, Beretta Roberto

_____________________________________________________


1. Festa dell’Unità d’Italia

2. Inno di Mameli

3. Coccarde tricolori

4. Una festa di tutti gli italiani

 

indice attualità

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>