Invasioni digitali

La sensibilizzazione dei cittadini verso l’inestimabile patrimonio artistico italiano, la diffusione della sua conoscenza e la sua salvaguardia, è uno degli obbiettivi primari di cittadiniditalia. Con grande piacere abbiamo accolto l’invito del Museo Benedettino e Diocesano di Nonantola di aderire all’iniziativa nazionale detta “Invasioni Digitali”.


NON PERDETE LA PRIMA INVASIONE

LUNEDI’ 13 MAGGIO

😛 Si tratta dell’apertura di musei e luoghi d’arte a persone attive sui social network, blogger, appassionati di fotografia, armati di smartphones, videocamere, macchine fotografiche, i-pad, le invasioni digitali appunto, con lo scopo di promuovere e diffondere nel paese l’interesse per il patrimonio culturale, facendo conoscere con microeventi luoghi poco conosciuti ma estremamente ricchi di testimonianze del passato.

Crediamo che la difesa, la conservazione, la valorizzazione, anche in senso economico, del patrimonio artistico passi necessariamente attraverso il coinvolgimento attivo del singolo cittadino per mezzo dell’informazione diretta e capillare, fruibile in qualsiasi momento del tempo libero, che solo la rete pu├▓ dare. Naturalmente lasceremo parlare gli esperti, il nostro compito è solo quello di fare da cinghia di trasmissione e collegamento, affinchè i tesori dell’arte entrino a far parte dell’esperienza culturale di ciascuno di noi. Con le invasioni digitali, i tesori dell’arte entrano in casa nostra per farsi conoscere ed invitarci ad incontrarli al museo.

Cittadiniditalia “ha invaso” l’Abbazia di Nonantola ed il Museo Benedettino e Diocesano di Nonantola, che in occasione del 25 Aprile ha organizzato una visita guidata┬á alla scoperta del patrimonio artistico salvato dalle chiese colpite dal sisma del maggio 2012 ed ora raccolto nella mostra “L’arte nell’epicentro. Da Guercino a Malatesta. Opere salvate nell’Emilia ferita dal terremoto”. Nelle sale del museo sono esposti dipinti di Guercino (Madonna con il Bambino e San Lorenzo martire), Scarsellino (Annunciazione), Giuseppe Maria Crespi (Transito di San Giuseppe e Adorazione dei Magi), Simone Cantarini (Madonna di Monserrat e Santi), Caula (Martirio di Sant’Ignazio di Antiochia) ed Adeodato Malatesta (Sant’Agata martire e Madonna con il Bambino), accanto ad antiche sculture lignee e in terracotta, reliquiari, argenti e scagliole dal XV al XIX secolo. E’ stato inoltre possibile conoscere e fotografare, nelle parti visitabili dell’Abbazia di Nonantola, il prezioso Tesoro Abbaziale con i codici miniati e le celebri pergamene di Papi ed Imperatori ÔÇô tra cui quelle di Carlo Magno, Matilde di Canossa e Federico Barbarossa, insieme alle stauroteche ed ai preziosi reliquiari.

Ogni lunedi’, a partire dal 13 maggio, il sito dedicherà una pagina al Museo Benedettino e Diocesano presso l’Abbazia di Nonantola, “esponendo” il materiale iconografico e sonoro trafugato durante l’invasione, realizzando così una visita virtuale al museo. Il museo entra in casa vostra e vi aspetta a Nonantola. A Lunedì.

Invitiamo tutti i lettori a visitare la mostra, il museo benedettino e diocesano, l’abbazia. Accorrete numerosi !

Informazioni dettagliate sul sito www.abbazia-nonantola.net (clicca)

_______________________________

152° Unità d’Italia, 6 maggio 2013, Beretta Roberto Claudio

_______________________________________________

iniziative

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>