I due nemici

Due nemici si imbarcarono per caso sulla stessa nave. E poiché l’uno non voleva star vicino all’altro, il primo si sedette a poppa, il secondo a prora. Nacque sul mare una terribile tempesta, e mentre la nave già stava per capovolgersi, il tipo seduto a poppa chiedeva al nocchiero quale parte dello scafo sarebbe stata sommersa per prima. Ed avendo quello risposto la prora, si rallegrava: “Non mi è assolutamente dolorosa la morte, poiché sto per vedere il mio nemico morire sotto i miei occhi”. La favola insegna che molti uomini non si lamentano dei danni che patiscono, se possono vedere i nemici soccombere davanti a loro. (Esopo, 620-560 a.C. circa, traduzione r.b.)

Vedere il proprio nemico morire può essere così gratificante da rendere accettabile persino la morte. Ho scelto questa favola di Esopo per illustrare metaforicamente l’ostinato rifiuto di Grillo :mrgreen: (e dei grillini?) ad assumersi responsabilità di governo con il Partito Democratico, cogliendo la storica occasione di realizzare alcuni punti programmatici del Movimento 5 stelle, indispensabili a riformare le istituzioni, rinnovare il ceto politico, ridare impulso alla democrazia. L’opposizione pervicace alla nascita di un governo stabile, nell’attuale congiuntura economico finanziaria, sarà esiziale per l’Italia e gli italiani, Grillo e grillini compresi.

Vorrei tanto riscrivere la favola, immaginando i due nemici precipitarsi, mentre il mare è in tempesta, dove la nave si inclina paurosamente, senza chiedersi se è la poppa o la prora, e fianco a fianco, con coraggio e determinazione, gettare l’acqua a mare con ogni mezzo, anche con le mani, per raddrizzare l’imbarcazione, fino a che la tempesta non sia passata, e la nave tornata a navigare sicura. Poi li vedo esultare abbracciati sul ponte. (r.b.)

__________________________________

151° Unità d’Italia, Modena 9 marzo 2013, Beretta Roberto Claudio

_____________________________________________________

notizie di cronaca

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>