Sulla corruzione

LOTTA ALLA CORRUZIONE

E ALL’ILLEGALITA’

NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE.

Una recente legge (190/2012) impone alle amministrazioni pubbliche di affrontare il tema della corruzione e della promozione dell’integrità del proprio agire. L’USL di Modena calcola che fra il 5 e il 10% delle risorse dell’azienda siano disperse in fenomeni di corruzione o di illegalità e frode in senso lato. Tale percentuale corrisponde a circa 50 milioni di euro l’anno per tale azienda sanitaria. Questo cifra viene distolta dall’erogazione di servizi ai cittadini e dall’attribuzione di indennità essenziali per i dipendenti. Senza contare le gravi conseguenze che i fenomeni corruttivi generano in termini di fiducia dei cittadini verso il Servizio Sanitario Nazionale.

😯 Con queste premesse l’azienda USL ha promosso un incontro di informazione / formazione dei suoi dipendenti illustrando i principi etici che li guideranno nell’attività professionale e nelle relazioni esterne, contenuti nel codice di comportamento che il pubblico dipendente è tenuto ad osservare. Codice ispirato a doveri di diligenza, lealtà, imparzialità, buona condotta. Questi doveri non sono altro che la traduzione nella pratica dei dettati costituzionali, art 54 “i cittadini cui sono affidate funzioni pubbliche hanno il dovere di adempierle con disciplina e onore”, e art. 98 “i pubblici impiegati sono al servizio esclusivo della Nazione”.

Su questa strada i dipendenti pubblici, come suggerisce la Costituzione, devono costituire esempio e trascinare il resto del paese verso comportamenti virtuosi, al fine di creare un contesto sfavorevole alla corruzione attraverso la diffusione di buona pratica e valori. Tutti i cittadini a loro volta sono chiamati alla fedeltà alle leggi, ┬ácome il primo comma del medesimo art. 54 impone: “tutti i cittadini hanno il dovere di essere fedeli alla Repubblica e di osservarne la Costituzione e le leggi”.

_______________________________

153° Unità d’Italia, Modena 11 giugno 2014, Beretta Roberto Claudio

________________________________________________________

fare l’Italia

 

 

 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>