Festa della mamma

 

Auguri alla mamma

La mia mamma si alza presto alla mattina, ci prepara la colazione, ci aiuta a vestirci, ci accompagna a scuola, qualche volta a piedi, spesso in bicicletta, nè so come faccia a spingere sui pedali di quella bicicletta sgangherata, portando me sul portapacchi oltre al mio zaino pesante di libri nel cestino sul manubrio. Quando┬á torniamo da scuola ci fa trovare da mangiare, e poichè ognuno di noi ha i suoi gusti in fatto di cibi, e le mie sorelle sono anche un po’ schizzinose, ci sono talmente tanti piatti che qualche volta mi pare di stare al ristorante dove c’è il menù e ciascuno sceglie┬á secondo il proprio appetito. Nel pomeriggio ci aiuta a fare i compiti, ci spiega le lezioni ┬áche non abbiamo capito e ce le fa ripetere più volte quando abbiamo le interrogazioni. Intanto ci porta chi a canto chi a musica chi ai compleanni chi dal dentista tutti a prendere il gelato e qualche volta un libro in biblioteca, naturalmente preferisce il solito sistema della bicicletta. La sera di nuovo la cena i piatti da lavare, controllare la┬á cartella, fare il programma per domani. Quante cose che fa mia mamma. E ancora pulire la casa fare la spesa andare al mercato comprare i vestiti e le scarpe fare il bucato stirare pensare a mio papà, ai compleanni, alle serate al teatro, mettere la birra nel frigo, prenotare la raccolta di libri o cd all’edicola, comprare la colla, fare qualche ripetizione, invitare gli amici, telefonare alla nonna, leggere quello che scrive mio papà, tenersi aggiornata, fare le coccarde ÔǪ Quante cose che fa mia mamma. Quando abbiamo bisogno di una cosa, la vediamo vestirsi ed uscire con qualsiasi tempo a comprarcela. Non ci fa mai mancare niente. La sera ci┬á accompagna sempre a letto. Mia mamma è l’ultima ad andare a letto la sera. Quando eravamo più piccoli ci leggeva sempre delle fiabe o delle storie ed ancora adesso, se non è proprio stanca morta. Quando siamo ammalati si preoccupa subito e chiede a mio papà se c’è bisogno di darci delle medicine, ma intanto ci misura più volte la febbre, toccandoci la fronte, e poi col termometro, non ci fa mancare il suo calore, col suo stare vicino, ci fa stare a letto, ci prepara le cose più calde e più dolci che ci sono. Lei capisce al volo quando siamo tristi per qualche problema di scuola o di compagni, si mette a pensare ed a ragionare con noi su come affrontarlo. E continua a parlarne a bassa voce col papà finchè┬á non trova una soluzione. E’ sempre pronta a difenderci a spada tratta davanti a tutto ed a tutti, e spesso l’ha fatto anche in situazioni per lei davvero difficili.

____________________________

151° Unità d’Italia, 13 maggio 2012, Festa della mamma

__________________________________________

┬átratto dal racconto “Una brava mamma” , Cuore 150°┬á

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>