Pisacane a Roma

L’esperienza militare di Pisacane ed alcune audaci azioni strategiche che secondo lui si sarebbero dovute porre in atto per contrastare sul terreno gli austriaci ed evitare la capitolazione di Milano, gli valsero l’attenzione di Mazzini che lo considerò dunque fra i suoi consiglieri militari. Quando nel successivo autunno Pio IX fu costretto a fuggire da Roma travestito da semplice prete, e a chiedere protezione presso re Ferdinando nella fortezza di Gaeta in seguito alla sollevazione popolare, l’Assemblea Costituente, dopo aver proclamato la Repubblica, assegnò al triumvirato Mazzini Saffi Armellini poteri illimitati per proteggere la neonata istituzione, minacciata dagli eserciti di tutte le potenze cattoliche europee, Francia, Austria, Spagna, Regno di Napoli, a cui il papa aveva fatto appello perché lo ristabilissero sul trono di Pietro. Molti patrioti accorsero in difesa di Roma, e fra questi abbiamo già incontrato Goffredo Mameli, Ippolito Nievo, Gerolamo Induno. Pisacane fu nominato membro della Commissione di difesa e dello Stato Maggiore, assieme a lui Garibaldi, Roselli ed altri generali. Le truppe francesi sbarcarono a Civitavecchia il 25 aprile al comando del generale Oudinot, che subito propose agli insorti un accordo. L’ Assemblea decise per la resistenza ad oltranza. Fu il palcoscenico di Garibaldi, acclamato dal popolo ed amato dai soldati, il quale si impose nella conduzione delle operazioni militari nell’urbe. Le proposte di Pisacane, fautore, a quanto sembra, di manovre e battaglie in campo aperto, sostenute da un esercito rigidamente organizzato, furono tutte respinte, forse anche per il suo carattere aggressivo ed attaccabrighe, che lo portò ben presto in conflitto con gli altri membri della commissione. I francesi entrarono in città il 3 luglio. La difesa della città si era conclusa con un massacro e la capitolazione. Pisacane fu arrestato e imprigionato in Castel Sant’Angelo. Liberato, si rifugiò a Londra, poi chiese asilo al Piemonte e tornò a Genova.

fine terzo capitolo

_______________

151° Unità d’Italia, Modena, 26 gennaio 2012, Beretta Roberto

____________________________________________________

clicca per leggere gli altri capitoli su Pisacane:

1) Carlo Pisacane

2) Il ribelle

3) Pisacane a Roma (questo articolo)

4) Pisacane il socialista

5) La rivolta di Milano

6) Una rivoluzione per il Sud

 :roll: RISORGIMENTO

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>