Dedicato a Francesco

Dall’autunno del 1945 all’estate 1946 furono rimpatriati dall’Unione Sovietica 21.065 prigionieri italiani. Fra questi vi erano 10.030 soldati reduci dell’Armir, su ottantamila che si ritenevano ancora vivi in Russia. Gli altri italiani riconsegnati alle nostre autorità, erano stati detenuti nei lager nazisti in Polonia, ebrei italiani, soldati fatti prigionieri dopo l’8 settembre, militari che non avevano aderito alla repubblica di Salò, in seguito liberati dai russi durante la travolgente avanzata dell’Armata Rossa sul fronte orientale.

In ragione dei mutamenti politici avvenuti nell’Europa dell’Est dopo l’ascesa di Gorbaciov, il 23 aprile 1991 il governo italiano ebbe modo di sottoscrivere un accordo con le autorità sovietiche, per mezzo del quale veniva data facoltà al Ministero della Difesa italiano di accedere alla documentazione riguardante i militari italiani catturati, fatti prigionieri o deceduti, custodita negli Archivi Segreti di Stato a Mosca. Le ricerche effettuate dal Commissario Generale Onoranze ai Caduti (onorcaduti) hanno consentito di avere notizie di molti soldati italiani dispersi.

Uno di questi è mio zio Francesco, fino a ieri un anonimo soldato disperso in Russia, che questa ignota ricerca, assieme alle lettere indirizzate alla famiglia e di recente ritrovate, mi ha permesso di conoscere intimamente, attraverso la ricostruzione dell’ambiente, delle vicende, e dei momenti drammatici e conclusivi della sua breve esistenza. Egli è morto nella primavera del 1943 nel campo di prigionia di Taliza e sepolto in una fossa comune. A lui eterna memoria per il sacrificio della vita. A lui dedico questa umile fatica.

FINE

_________________________

151° Unità d’Italia, Modena, 27 febbraio 2012, Beretta Roberto

___________________________________________________

< Il rimpatrio dei prigionieri <

La Campagna di Russia 1941/43

Bibliografia:

  1. Davide Tonicello, Italianski Campagna di Russia 1941/1943, Associazione Nazionale Combattenti Reduci e Sostenitori Sezione di Verano Brianza – MB, Patrocinio del Comune di Verano Brianza, 2011
  2. Lettera del Ministero della Difesa ai familiari di Francesco Beretta
  3. Lettere e fotografie di Francesco Beretta
  4. Mario Rigoni Stern, Il sergente nella neve, Einaudi
  5. Primo Levi, La Tregua, Einaudi, al capitolo “Vecchie strade”
  6. Arrigo Petacco, L’armta scomparsa, l’avventura degli italiani in Russia, Mondadori
  7. Le operazioni delle unità italiane al fronte russo (1941-43), Stato Maggiore dell’Esercito – Ufficio Storico – Roma 1973
  8. Giuseppe Rasolo, L’odissea dei prigionieri italiani in Russia durante il secondo conflitto mondiale, “l’impegno”, a. XV, n. 2, agosto 1995 e n. 3, dicembre 1995, Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli
  9. per l’episodio di Arbuzowka: montesuello.it/valorealpino.doc
  10. altri siti internet: wikipedia, cronologia.leonardo.it

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>