Roma ladrona

Disen Ruma ladruna, ma sentì se sücèt, e pruém a ragiunà insèma.

  1. Ul Parlamènt la töt via ‘l vitalìzi ai parlamentàr. Dal prem de genàr i unuréul pasen cuma töć al sistèma cuntribütìf: tantu te paghet quan’ te laùret, tantu te ciapet quan’ te vét in pensióm. Fìna iér gh’éren una tratenüda ogni més e bastava vèc fa ‘na legisladüra (cinq’an), per ciapà per tüta la vita, al cumpimènt di cinquant’àn, senza dipènt de quel ch’eren pagà, dai mila ai tremìla euro al més. E adès ghe vör  vèc almèn sesant’àn, menter prima éren a sè cinquanta. A quaididön la roba le ghè minga piasüda trop.‘Nscì, vintisés fra parlamentàr e ex-parlamentàr, an fà ricùrs cuntra ‘l Parlament per vèc indrè i vèć priviléć. Quindes de quischè in de la lega. E in incazzà de bèstia. Vören fa la secesiöm, ma quant pö se trata de ciapà i danè e vàrden in facia nisögn. Pecunia non olet (i dané g’an minga de udùr).
  2. A pruposit de secesióm, sentì ‘nca quésta. Tuta che la gent ché de la lega al parlamènt, lè pagàda ogni fen del mes, e cun un bel fiùr de dané. De che part e rìven töt stì dané? Dallo Stato italiano. Di contribüènt italiàn. Bèn, o te laùret per chi ‘l te paga, l’Italia, e te fét l’interès de l’Italia, o te vöret stà per cünt tö e fa l’indipendent, e alùra làsa stà la pultrùna , fa minga pèr’ temp ai gènt e métes minga in sacócia i palànc di italiàn. Pùdé minga servé dü padröm ‘mè ‘l faséva Arlechèn.
  3. E per finè in belèzza, una sturièla. Un bel dé vön el’gà vü bisögn de fa’nquai laurà in ca sua. L’müradùr, l’eletricìsta, ‘l pitùr, ‘l zecurè, ul trumbè. Tüta brava gènt e töć bravi artigian. Ma ghe füsa vön che’l faga la fatüra. Laùren töć in négher. Töt dané che se meten in sacócia sènza pagà ‘na lira de tas. L’uspedàl, la scöla, i strat, l’illuminaziòm, la pulizìa, l’ambulanza ‘l ghia pagà töç lü che ‘l fa ‘l dipendènt. Inscé ghe tucà de pagà sti servìzi dü völt.

Ruma ladruna. ‘Nde l’è Ruma ? *

________________________________________

(*) Non avendo mai scritto in dialetto milanese, mi sono resoconto per la prima volta della difficoltà di rendere ortograficamante i suoni di questa meravigliosa lingua, che ha però l’handicap di essere più parlata che scritta. Poichè non esiste accordo sulla trascrizione dei fonemi, ed essendo assolutamente a digiuno di grammatica, ho cercato di usare simboli grafici facilmente comprensibili a tutti. Chiedo scusa ai miei pochi lettori per questa semplificazione. Chi conosce il dialetto riuscirà a capire indipendemente dai miei errori di ortografia. Altrimenti non resta che leggere la versione italiana qui di seguito.

___________________

151° Unità d’Italia, Modena, 11 febbraio 2012, Beretta Roberto

__________________________________________________________________

< la responsabilità civile dei magistrati <   > Nuova “Mani Pulite” >

tutti gli altri articoli di attualità

Dicono Roma ladrona, ma sentite un po’ cosa succede, e proviamo a ragionare insieme.

  1. Il parlamento ha abolito il vitalizio dei parlamentari. Dal primo di gennaio gli onorevoli passano come tutti al sistema contributivo: tanto versi durante gli anni di lavoro, tanto prenderai negli anni di pensione. Fino a ieri essi pagavano una trattenuta ogni mese e dopo aver fatto una legislatura (cinque anni), al compimento dei cinquant’anni, indipendentemente da quanto versato fino a quel momento, avrebbero percepito per tutta la vita dai milleseicento ai tremila euro al mese. Ma adesso ci vogliono almeno sessant’anni, contro i cinquanta di prima. A qualcuno questo provvedimento non è piaciuto molto. E così, ventisei parlamentari, hanno fatto ricorso contro la decisione del Parlamento, per riavere i vecchi privilegi. Quindici fra questi sono della lega. E sono proprio arrabbiati. Vogliono la secessione, ma quando si tratta di prendere dei soldi dallo Stato Italiano, non guardano in faccia nessuno. Pecunia non olet.
  2. A proposito di secessione, sentite anche questa. Tutti i parlamentari della lega, sono pagati a fine mese con fior di quattrini. Da dove arrivano i soldi ? Dallo Stato Italiano. Dal contribuente italiano. Bene, o lavori per chi ti paga, l’Italia, e servi gli interessi dell’Italia, oppure vuoi stare da solo e fare l’indipendenza, e allora lascia la carica, non far perdere tempo e non metterti in tasca i soldi degli italiani. Non si possono servire due padroni come Arlecchino.
  3. E per finire in bellezza, ecco una favoletta. Un giorno una persona volle fare dei lavori nella sua casa. Vennero il muratore, l’elettricista, il pittore, il piastrellista, l’idraulico. Tutta brava gente ed altrettanto valenti artigiani. Ma nessuno fece la fattura. Lavorarono tutti in nero. Si misero in tasca i soldi senza pagare una lira di tasse. L’ospedale, la scuola, le strade, l’illuminazione, le forze dell’ordine, l’ambulanza glieli paga tutti lui che è dipendente. E così gli tocca di pagare due volte.

Roma Ladrona. Dov’è Roma?

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>