Il caso Sallusti – V

V. DIRITTO DI CRONACA E TUTELA DELLA REPUTAZIONE DEI CITTADINI. Fin qui i fatti. Essi portano alla nostra attenzione il complesso problema del diritto di cronaca da una parte e del diritto del cittadino di vedere rispettata la privacy e la sua reputazione sociale dall’altra. I due diritti entrano in evidente conflitto quando la cronaca non corrisponde a verità e quando dal deficit di informazione discende il discredito ed il disonore del cittadino consegnato alla pubblica gogna. Come hanno reagito i diretti interessati ? Intendo dire mass-media e cittadini, questi ultimi intesi attraverso i loro rappresentanti, cioè i partiti e in generale la classe politica ? Prima di analizzare le reazioni, non voglio per├▓ dimenticare di stigmatizzare il 😯 non trascurabile particolare che i fatti privatissimi e dolorosi di una ragazza minorenne, sia pure sotto nome di copertura, siano stati sbandierati su molti quotidiani a tiratura nazionale e sulle televisioni, e forse anche, cosa ancora più censurabile, all’insaputa dell’interessata stessa e della sua famiglia, soprattutto in considerazione della volontà espressa dalla ragazza e dalla madre di non far sapere nulla al padre, il quale avrebbe potuto facilmente riconoscere dai giornali un fatto che lo riguardava direttamente e che doveva restargli segreto. Accenno solo alle ┬áimmaginabili sofferenze inflitte al giudice tutelare sulla base di una notizia falsa, colpevole questo giudice di aver compiuto il suo dovere applicando la legge; ricordo le accuse infamanti gettate sull’istituzione magistratura, complice della classe medica, qui rappresentata dal ginecologo, che aspirerebbe all’aborto coattivo come pratica di Stato; immagino infine lo sgomento provato da quei genitori, da quel giudice, da quel medico, leggendo su un giornale di essere punibili con la pena di morte, se tale pena fosse prevista, Dio non voglia, dalle leggi di questo paese. E ora, lungi dal voler entrare nel merito della sentenza, cosa che spetta solo ai giudici, comprendendo le attuali difficoltà in cui si trova il Sallusti, a cui dichiaro a scanso di equivoci la mia solidarietà, anche se non condivido completamente le sue scelte in questa vicenda, è dunque necessario discutere alcuni aspetti del caso, che ritengo utili per definire il confine fra libertà di stampa ÔÇô diritto di cronaca e tutela della reputazione dei cittadini. Nel tracciare questo limite, mass-media e classe politica inevitabilmente incidono in profondità sul sistema giustizia e sul concetto di legalità qui in Italia. Mi perdoni fin da ora il sig. ┬áSallusti, se in qualche passaggio, nel tentativo di ricavare un comportamento generale dal suo particolare, sembrerà che egli faccia la parte del cattivo della storia, ma questo non è assolutamente nelle mie intenzioni.

 < IV. Dreyfus, chi era costui ? <    > VI. fuoco di sbarramento > 

_______________________________________

151° Unità d’Italia, Modena 4 ottobre 2012, Beretta Roberto

_______________________________________________

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>