Il terremoto

Un terremoto (dal latino terrae motus, movimento della terra) è detto anche sisma (dal greco seism├▓s, scossa). Il terremoto consiste in vibrazioni della crosta terrestre, provocate dallo spostamento improvviso di una massa rocciosa nel sottosuolo dovuto ai moti convettivi del magma. Tali vibrazioni liberano una grande quantità di energia, accumulata nel corso di secoli.┬á Il punto d’origine del sisma è detto ipocentro, mentre il punto della superficie terrestre situato sulla verticale dell’ ipocentro è chiamato epicentro. Durante 😯 un terremoto, il brusco movimento creato dalla rottura di una massa rocciosa nell’ipocentro, si trasmette alle rocce vicine e la vibrazione si propaga in tutte le direzioni, generando le onde sismiche. Le onde sismiche a mano a mano che si allontanano dall’ipocentro,┬á si attutiscono. Nel caso di terremoti molto forti, le onde possono attraversare il globo terrestre, riemergendo in superficie in luoghi lontanissimi da quello di origine del terremoto.

Lo strumento che rileva la presenza e l’intensità delle onde, è detto sismografo. ├ê costituito da un pennino che traccia linee più o meno ampie, dalle quali è possibile rilevare la magnitudo, ovvero l’intensità del sisma.┬á Per misurare la forza di un terremoto, si possono usare due sistemi:

    • Stimare i danni che esso provoca; per questo si usa la scala Mercalli.
    • Stimare l’energia liberata tramite la lettura dei sismogrammi (i grafici ottenuti dalle registrazioni dei sismografi); per questo┬á si usa la scala Richter.

 

 

 

 

La scala Mercalli valuta l’intensità del sisma considerando i suoi effetti sulle cose e sulle persone. Comprende una serie di gradi che vanno dal primo al dodicesimo. ├ê così chiamata dal nome del sismologo italiano, Giuseppe Mercalli che la propose nel 1902.

 

 

L’ampiezza massima delle oscillazioni pu├▓ essere misurata sui sismogrammi in corrispondenza delle onde. Da questa ampiezza e dalla distanza dall’epicentro della stazione di rilevamento, con una formula matematica elaborata nel 1935 dal sismologo americano C.F. Richter, è possibile ricavare la magnitudo, una grandezza fisica che misura l’energia liberata da un sisma e i cui valori compaiono nella scala Richter. I valori di magnitudo sono calcolati in modo tale che a un aumento di un’unità corrisponda la liberazione di una quantità di energia circa 30 volte maggiore. Il più potente terremoto mai registrato nella storia è stato il Grande Terremoto Cileno, si è verificato il 22 maggio 1960, ed ha avuto magnitudo 9,5 della scala Richter.

__________________________

151° Unità d’Italia, Modena 9 Giugno 2012, Silvia e Chiara Beretta

________________________________________________

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>