E’ bello morire per ciò in cui si crede

Questa frase è attribuita a Paolo Borsellino, ma avrebbe potuto ugualmente bene essere stata pronunciata dall’ amico Giuseppe Falcone, di cui oggi ricordiamo l’anniversario dell’ uccisione, come pure ci pare di sentirla sulle labbra di un eroe greco, o di un martire di fede. Una frase, al di là della retorica, che apre uno squarcio sul dramma vissuto dai due inseparabili magistrati, i quali avendo chiaramente compreso l’ineluttabile destino cui andavano incontro a causa del loro perseverante lavoro, nondimeno hanno saputo accettare la fine senza mai alzare le braccia, trasformando la loro morte annunciata in una vita eroica, credendo ostinatamente in quello Stato che spesso li aveva ostacolati e lasciati da soli.

________________________

154° Unità d’Italia, 23 maggio 2015, Beretta Roberto Claudio

_________________________________________________

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>